Oltre alle informazioni rilasciate sui display pieghevoli, l’evento coreano tenuto con gli analisti ha permesso a Samsung di svelare qualche dettaglio anche sulle tecnologie che monteranno i futuri smartphone della compagnia. In particolare, l’intenzione del colosso è quella di sviluppare CPU proprietarie e rilasciare entro il 2015 dei dispositivi con display dall’impressionante risoluzione 4K.

In ordine, il primo obiettivo di Samsung è quello di sviluppare CPU a 64-bit partendo prima di tutto da core proprietari basati su design ARM e successivamente personalizzare anche questo aspetto in maniera simile a quanto fatto da Qualcomm. Il piano permetterebbe a Samsung di garantire una integrazione verticale migliore tra i vari dispositivi rispetto quanto fatto finora.

galaxy-note-3-android-smartphone-by-samsung

Lato display, l’obiettivo per il 2014 è quello di lanciare pannelli AMOLED dalla densità di ben 560 pixel per pollice, un passo in avanti enorme rispetto i 440 pixel visti nel SuperAMOLED montato su Galaxy S4. La risoluzione standard sarà di 2.560 x 1440 pixel, per diagonali che si attesteranno intorno ai 5.25 pollici. Ma i piani per il 2015 sono ben più ambiziosi: tra un paio di anni si prevede infatti di lanciare smartphone con display in grado di raggiungere la risoluzione di 3.840 x 2.160 pixel, se non addirittura il tanto ambito 4K. Un progresso tecnologico praticamente inarrestabile.

Via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]