Durante il CES di Las Vegas, Nvidia ha mostrato il suo fiore all’occhiello: il Tegra K1. Il Tegra K1 è il successore del Tegra 4, ma segna un deciso passo in avanti per quanto riguarda le prestazioni. La nuova CPU Nvidia è la prima del colosso americano ad essere completamente a 64 bit ed è la prima ad avere il SoC derivato direttamente da una GPU per PC. La genealogia spiega, infatti, il deciso balzo in avanti di questo Chip in confronto alle soluzioni rivali:

Tegra K1 Comparazioni CPU/GPU

Tegra K1 Comparazioni CPU/GPU

Grazie ai benchmark svolti da GFBench, possiamo notare chiaramente come il Tegra K1 sia nettamente migliore delle soluzioni concorrenti e rivaleggi con le soluzioni desktop, riuscendo a mantenere nei test un framerate stabile a 60 fps (frame per seconds). È interessante notare come nei medesimi test, soluzioni più blasonate e moderne dei Chip Haswell di Intel come la HD Graphics 4400 e la HD Graphics 4200 non riescano ad ottenere gli stessi risultati con una media di, rispettivamente,  57 fps e 47 fps. Il confronto diventa addirittura impari se paragonato con lo Snapdragon 800, con a bordo l’Adreno 330, dove quest’ultima riesce ad ottenere soltanto 24 fps.

Tom’s Hardware ha inoltre avuto modo di toccare con mano la differenza tra il Tegra K1 e lo Snapdragon 800, facendo eseguire al Lenovo ThinkVision 28, dove dietro al pannello Ultra-HD è installato il Tegra K1, le suite di benchmark 3D Mark e la succitata GFBench. I risultati potete ammirarli di seguito.

Lenovo Thinkvision Preview 3DMark
I test eseguiti con 3D Mark evidenziano un vantaggio netto sullo Snapdragon 800 di Qualcomm pari al 25% nelle prestazioni grafiche e del 15% nelle prestazioni di computazione CPU.

GFXBench 27 Offscreen Sorted
Interessante il test condotto con GFBench dove il Tegra K1 ha mostrato prestazioni elevate nei test off-screen, ovvero l’elaborazione delle immagini senza mostrarle a schermo; ma deludenti nelle prestazioni on-screen, ovvero nelle elaborazioni delle immagini mostrate a schermo. Probabilmente questo gap lo dobbiamo al pannello Ultra-HD del Lenovo, il quale obbliga l’elaborazione di più di 8 milioni di pixel.

Ad ogni modo i test condotti hanno dimostrato che Nvidia ha svolto un lavoro grandioso con il Tegra K1, riuscendo ad includere in pochissimo spazio una potenza tale da rivaleggiare con le controparti desktop. Speriamo che il chip riceva il supporto dei vari produttori, perché sarebbe davvero un peccato perdere un gioiellino come questo.

via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]