Mario Kart 8, nuovo capitolo del simulatore di guida dell’idraulico baffuto per Wii U da circa un mese nei negozi di tutto il mondo, sta vendendo benissimo. Si parla, ad ora, di ben 2,82 milioni di copie vendute dal suo lancio. L’ottimo risultato commerciale del tripla A made in Nintendo, però, pare non sia bastato a sollevare le sorti (critiche) di Nintendo, che ha chiuso il primo trimestre fiscale del 2014 in negativo, registrando una perdita di 92 milioni di dollari. Una voragine troppo profonda da riempire, dunque, anche per un super uomo come Mario.

Buone anche le vendite della console Wii U, l’ammiraglia su cui gira Mario Kart 8, che è arrivata ora a 6,68 milioni di unità, registrando un incremento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno del 219%. Non si tratta però dell’effetto Mario Kart, in quanto i giocatori che hanno acquistato il racing game di Mario & Co. possedevano già la console.

Ora i fan sono in trepidante attesa di un nuovo peso massimo dell’universo mariesco: Super Smash Bros, che verrà rilasciato sia per Wii U che per Nintendo 3DS. Gli altri titoli che Ninentedo è in procinto di rilasciare sono: Pokemon Omega Rubino, Pokemon Alpha Zaffiro, Hyrule Warriors, Bayonetta 2, Captain Toad: Treasure Tracker.

La società di Kyoto non sembra però demordere e vede un’orizzonte ancora foriero di successi e bilanci in verde. Nintendo dichiara infatti che le aspettative per l’intero anno fiscale 2014 – nonostante il primo trimestre in negativo – sono con segno positivo: le proiezioni aziendali parlano di 3,6 milioni di Wii U che saranno vendute nel corso dell’anno e un profitto complessivo pari a 391 milioni di dollari.

 

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]

A proposito dell'autore

Marco Locatelli

Marco Locatelli nasce nella bellissima e romantica Bergamo. È un giornalista, appassionato di tecnologia e videogiochi da sempre. Ha iniziato a scrivere di videogiochi nel 2008 per semplice hobby su alcuni siti amatoriali: 4News.it e Iniziopartita.it. Poi, dopo una gavetta di circa un anno, la passione è diventata un lavoro e si è conquistato la possibilità di scrivere, sempre di videogiochi, per realtà professionali come Everyeye.it e Spaziogames.it, due dei maggiori siti di informazione videoludica in Italia. Successivamente ha collaborato con GamesNation.it e Videogame.it, per i quali ha ideato e curato la sezione "videorecensioni". La sua firma è apparsa per un paio di anni anche sulle riviste PSMania 3.0, PlayStation Magazine Ufficiale e PlayGeneration. Negli anni si è specializzato molto in video editing e speakeraggio. Continua a scrivere di videogiochi e tecnologia su Webnews, Gamesnote, l'Eco di Bergamo e, ovviamente, su Webtrek. E lo farà finché a spingerlo sarà la passione.