Quella della guerra e della guerriglia tra Apple e l’universo Android è oramai una questione che va avanti da molto, anzi moltissimo tempo a questa parte. Ciononostante l’azienda di Cupertino è finita nuovamente al centro delle polemiche per la problematica dei messaggi non recapitati ad ex utenti iPhone a causa di iMessage.

Proprio qualche giorno fa Apple aveva provveduto a rendere disponibile un apposito strumento mediante cui far fronte alla questione ma a quanto pare ciò non è bastato ad evitare il processo. La giustizia statunitense ha infatti confermato l’ammissibilità della contestazione avanzata nei confronti di Apple. Ad occuparsi della cosa è stato il giudice Lucy Koh sulla base delle richieste avanzate dall’ex cliente Apple Adrianne Moore. Passata da un iPhone 4 ad un Samsung Galaxy S5 la consumatrice non ha più ricevuto messaggi dai contatti rimasti a iOS. L’accusa chiede ora che venga aperta una class action e un risarcimento non ancora specificato da parte di Apple.

Per il momento pare che Apple abbia risposto alla cosa sottolineando come non esista una legge relativa a un prodotto che “semplicemente non funziona come il cliente creda debba funzionare” facendo inoltre notare di non aver mai specificato il fatto che iPhone e iMessage siano in grado di riconoscere lo switch ad altri dispositivi.

Via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]