Carl Ledbetter, dipendente di Microsoft che ha condotto il team dietro al design della console di nuova generazione di casa Redmond, Xbox One, ha risposto alle critiche relative alle dimensioni piuttosto invasive della stessa. Nel corso di un’intervista, Ledbetter spiega che capisce le frustrazioni provocate dalla grandezza della console, spiegando però che ci sono dietro delle ragioni per cui è stata progettata in questo modo. Stando infatti alle parole dell’intervista, Ledbetter afferma:

Tutti rimaniamo delusi perché vogliamo sempre dispositivi sottili “come wafer”, che non si surriscaldino mai e che si possano mettere facilmente dovunque si desidera. Ma la realtà purtroppo è che ci sono numerosi problemi di raffreddamento e dissipazione da affrontare nel caso in cui un processore disponga di numerosi watt di potenza. Pertanto, il sistema deve essere preparato a queste esigenze, con un design adeguato. C’è sempre un forte legame tra il design e l’ingegnerizzazione di una console, con un occhio di riguardo per le performance della stessa.

Nonostante quindi l’Xbox One sia sensibilmente più grande e pesante della console precedente, l’Xbox 360, non è così ingombrante come molti pensano. Sempre nel corso dell’intervista, Ledbetter ha dichiarato che il telaio dell’Xbox One è stato intenzionalmente disegnato per richiamare la Dashboard del sistema.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]