Avalanche Studios, casa di sviluppo attualmente al lavoro sul nuovo Just Cause 3, ha assicurato che il gioco non sarà free-to-play né presenterà delle microtransazioni in-game, come si pensava precedentemente in riferimento ad alcuni screen leakati nelle scorse settimane. Christopher Sundberg, co-fondatore di Avalanche Studios con sede centrale in Svezia, ha assicurato tutti i fan che aspettano impazientemente Just Cause 3 mostrando che l’immagine rubata nelle precedenti settimane non rappresentava delle microtransazioni, ribadendo che ogni veicolo presente nel gioco sarà acquistabile con i soldi virtuali nel corso della campagna del gioco. A detta dello stesso Sundberg, quelle immagini sono state  rubate da una vecchia versione di Just Cause 3. Come la maggior parte dei titoli, anche Just Cause 3 è stato sottoposto a una fase di sperimentazione, testando diversi schemi di controllo, diverse tecnologie e differenti modalità di commercializzazione.
Ricordiamo che Just Cause 3 è attualmente previsto, sia in forma retail che in digital delivery, su Playstation 4, Xbox One, e PC nel corso del 2015.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]

A proposito dell'autore

Ivan Miralli

Ventunenne romano, impiantato da qualche anno in quel di Brescia. Appassionato sin da tenera età di videogiochi, computer, tecnologia in generale e, last but not least, Harry Potter. Scrive di videogiochi da qualche anno.