Mentre gran parte dell’attenzione dei giocatori di tutto il mondo per quanto riguarda il genere dei survival game è focalizzata su H1Z1 di Sony, le controverse politiche del free-to-play del gioco stesso hanno contribuito poco ad aumentare l’interesse dell’utenza. Infatti, nella maggior parte dei forum videoludici sul web non si trova altro che avvisi sul fatto che la filosofia pay-to-win del titolo è più ambigua di quanto si pensava originariamente.

Stranamente, i dibattiti su H1Z1 noon hanno fatto che fomentare e apprezzare l’altro survival-game attualmente presente sul mercato dell’Early Access: stiamo parlando di Day Z. Uscito da poco più di un anno, il titolo, pur essendo ancora in Early Access, ha totalizzato addirittura 3 milioni di copie vendute, stando a quanto dichiarato da Bohemian Interactive, lo sviluppatore del titolo. Questo traguardo si è rivelato oltremodo significativo, dal momento che Dean Hall di Bohemian Interactive affermò di non aspettarsi un prodotto finito da Day Z.

Nonostante questo, il titolo è riuscito a vendere, totalizzando 1 milione solo nel primo mese d’uscita e rimanendo al centro dell’attenzione per un bel po’ di tempo, tra le schiere dei giocatori appassionati del genere. In definitiva, il successo di Day Z sta a significare che c’è davvero una buona fetta di mercato per il genere survival / zombie, e ciò è testimoniato da altri titoli simili sviluppati dopo, tra i quali appunto H1Z1 e The War Z, che tuttavia non hanno riscosso lo stesso successo del titolo Bohemian Interactive.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]