Dopo aver riacquisito l’interesse dei fan per il franchise e dopo essere stato premiato in occasione dei The Game Awards 2014 come gioco dell’anno, non v’è dubbio che Dragon Age: Inquisition abbia centrato appieno l’obiettivo sviluppato dalla casa di sviluppo BioWare, venendo acclamato all’unisono dalla critica videoludica e dai giocatori di tutto il mondo.

Il gioco fa ben sperare per quanto riguarda il combattimento open-world, la narrativa e l’esplorazione, dopo un Dragon Age 2 (uscito nel 2011 su Playstation 3, Xbox 360 e pC) per nulla entusiasmante. E’ doveroso quindi pensare che, dato il successo di Dragon Age: Inquisition, Bioware avrebbe usato in futuro il titolo come una sorta di “modello” da cui prendere d’esempio per i progetti futuri, non solo riguardanti il franchise stesso di Dragon Age ma anche per altri videogiochi prodotti dalla software house.

Il primo pensiero è ovviamente per il prossimo episodio della serie di Mass Effect, previsto per console di nuova generazione e PC: sembra però che questo non accadrà. Stando alle parole del general manager di Bioware, Aaryn Flynn, il franchise di Mass Effect continuarà ad avere un’identità propria che lo ha contraddistinto negli precedenti episodi, senza ispirarsi in alcun modo alle meccaniche (o ad altri aspetti del gameplay) di Dragon Age: Inquisition. Attendiamo quindi i prossimi mesi per saperne di più.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]