Stufi del solito aggiornamento fatto male da parte del produttore? Stufi di vedere un telefono che prima andava bene, iniziare a rallentare e ricaricare normali pagine come il dialer telefonico? Forse non tutto è perduto. Spesso, quando viene notificato un aggiornamento sul telefono, siamo sempre in attesa trepidante di vedere le novità che lo riguardano dato che spesso non sono indicate nei cambiamenti e sicuramente ci aspettiamo sempre migliorie soprattutto sul fattore energetico del telefono stesso.

Com’è possibile allora che ad ogni aggiornamento il telefono sia sempre più lento a dispetto di quello che ci dicono? Le risposte possono essere due: la prima è che l’aggiornamento potrebbe essere stato fatto male, ma con i telefoni super performanti e top di gamma questa opzione è da escludere in parte; la seconda, che il telefono abbia bisogno di una bella pulita per non portarsi dietro impostazioni errate o file che appesantiscono inutilmente il sistema e lo rendono instabile causando anche il crash di alcune applicazioni con addirittura messaggi di errore. Dunque, per porre rimedio a quest’ultima, ma non meno probabile, causa, la cosa migliore da fare è procedere con un reset alle impostazioni di fabbrica del telefono.

Cosa comporta?

Un reset comporta la cancellazione totale di tutto quello che è presente nel telefono, esclusa la scheda MicroSD se il telefono ne è provvisto, tra i quali tutti o contenuti multimediali, le applicazioni, i messaggi e non meno importanti la rubrica, esclusa la partizione di sistema, alla quale normalmente impedito l’accesso. Per non rischiare di perdere davvero tanto tempo dopo il reset è molto importante procedere con cautela, salvando su una scheda MicroSD o sul computer tramite una cavo usb, tutti i dati sopra elencati. Per la rubrica esiste una funzione apposita nella rubrica stessa che permette di esportarla sulla memoria o sulla scheda MicroSD e successivamente di ripristinarla; è inoltre possibile anche sincronizzare i contatti con Google, situazione molto più veloce e senza rischi di perdere l’intera rubrica per colpa della fretta o della dimenticanza. L’unica cosa alla quale bisogna fare attenzione è di evitare di salvare i dati delle applicazioni, spesso la vera causa del problema. Le applicazioni potranno essere ripristinate tramite il Google Play Store successivamente alla re-immissione dell’email e della password sul proprio account Google.

Come si esegue?

Screenshot_2015-03-16-19-12-09

Semplicemente dalle impostazioni del telefono è presente una sezione chiamata backup e ripristino, entrandoci, spunta una voce chiamata “ripristino alle impostazioni iniziali” o “ripristino dati di fabbrica“. Una volta selezionata, il telefono chiederà se si è sicuri nel procedere nell’operazione e, se presente una scheda microSD, verrà chiesto se si vuole formattare anche quella (opzionale e non necessario). Una volta data risposta affermativa il telefono si spegnerà e ripartirà un paio di volta e a seconda del produttore mostrerà una schermata con un robottino e una barra di progresso sotto. Una volta completata l’operazione, il telefono ripartirà come alla prima accensione fuori dalla scatola, proponendo la configurazione iniziale, nella quale ovviamente bisognerà inserire i propri dati.

Questo è uno dei metodi più veloci ma efficaci per portare alle condizioni iniziali il proprio telefono e provare ad avere un telefono pronto e scattante esattamente come il primo giorno. Consigliatissimo soprattutto nel caso in cui si effettui un aggiornamento importante e che riguardi un cambiamento anche della versione di android, come nel caso dell’aggiornamento da KitKat 4.4.4 a Lollipop 5.0.1 che sembra abbia causato gravi problemi a molti possessori del top di gamma Galaxy S5 e non solo. Dopo il reset il telefono è tornato a funzionare come prima o meglio di prima, quindi consigliatissimo.

Downgrade a Kitkat

Per chi a questo punto non fosse ancora soddisfatto del risultato ottenuto, vorrà dire che eravamo di pronte al primo caso, dunque un aggiornamento non proprio riuscito dal produttore, dunque bisognerà pazientare un successivo aggiornamento oppure flashare un aggiornamento precedente seguendo la guida relativa al proprio dispositivo. Per esempio se si possiede un dispositivo Samsung sarà necessario l’utilizzo di Odin per effettuare il downgrade, come spiegato nella guida. Necessario ricordare che nei dispositivi dotati di KNOX, la garanzia con il downgrade viene invalidata e non è ripristinabile, dunque se volete tentare un downgrade attenzione a ciò che fate! Per altri telefoni come per esempio LG o Sony, il downgrade non implica la compromissione della garanzia e sarà possibile “tornare indietro”, utilizzando alcune guide che non ho ancora scritto!

Webtrek NON è responsabile per qualunque operazione effettuata sul vostro telefono, quindi fate tutto a vostro rischio e pericolo!

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]

  • Fabio Costa

    Questa cosa mi sembra assurda! Perche se fosse così vuol dire che tutti quanti quelli che avrebbero fatto l’aggiornamento l’avrebbero fatto male! Però la cosa qui è che tutti quanti si lamentano dello stesso problema! Quindi io escluderei che un hard reset risolverebbe il problema!

    • AndreaOdone

      Ciao Fabio… in realtà la guida sembra abbia funzionato con quasi tutti. In alcuni casi non sono stati risolti tutti i bug, però dei miglioramenti sono stati comunque apprezzati! E le ragioni tecnico/scientifiche sono scritte nel testo dell’articolo! :)

    • Alessandro Turba

      Concordo con Andrea, molti utenti spesso si lamentano dei problemi del telefono quali tempi di caricamento biblici o vari lag qua e la. Con una bella pulizia spesso e volentieri si risolvono buona parte dei problemi e non sempre il produttore sforna aggiornamenti a casaccio. Certo, possono esserci anche problemi legati all’aggiornamento in se, ma in questo caso, molti se ne vanno tramite un semplice reset 😉
      In ogni caso una pulita del telefono ogni tanto male non fa!

  • aldo

    Non è vero che se si ritorna a kitekat si perde la garanzia. I’ho fatto e il contatore è rimasto a 0. Quindi o sie te d’accordo con la samsung o incompetenti!
    Aldo

    • Alessandro Turba

      In quale modo hai effettuato l’upgrade e l’eventuale downgrade?
      Che io sappia il contatore viene fatto scattare a 0x1 nel caso di un ripristino di un firmware precedente tramite odin ed è dunque poi impossibile riportarlo a 0x0. L’unica strada possibile sarebbe non fare l’upgrade del bootloader in fase di aggiornamento in modo da poter permettere un downgrade “senza traccia” che comunque non è detto che funzioni su tutti i telefoni e dunque è altamente sconsigliato da fare e da proporre in una guida che è consigliata ad un ampio pubblico e non a 4 smanettoni a cui magari della garanzia interessa ben poco 😉

      Se hai il metodo scritto per bene e provato da qualcuno oltre a te che non faccia scattare Knox 0x1 al ripristino di un firmware con odin siamo qui!

      • aldo

        No il contatore rimane invariato.
        ho scaricato la app Phone info. Poi la ho lanciata. Dal menu dei tre puntini apri firmawe browsera, ti appariranno una serie di firmawe per il tuo telefono, ne selezioni uno poi in basso menu che ti rimanda a sammobile, di là scarichi il sistema operativo che fa per te dopo con odin lo installi. Segui le istruzioni che troverai allegate. Niente di più facile. Importante finita la installazione al riavvio troverai il telefono bloccato nella schermata di avvio. Niente panico. Togli la batteria. Reset con i tre pulsanti premuti contemporaneamente e tutto riparte. Prima di tutto questo salvare tutti i dati! Se ci sono riuscito io con i miei 67 anni e pochi mesi di uso di Android ci riesce chiunque con un po di buona volontà! Se hai difficoltà scrivi qua! Aldo

        • Alessandro Turba

          Fidati che ti è andata bene. Con tutti gli altri Samsung (note 3 in primis) cin questo semplice modo flashando con odin scatta il counter 0x1 che invalida la garanzia e non c’è modo di ripristinarla (nessuno ha ancora trovato il modo di avere 0x0).
          Tornare indietro è facile e si fa esattamente come hai detto. Il reset con i 3 tasti è obbligatorio per far partire il telefono dopo un reset.
          Scherzare con Knox non è bello e tantomeno poco pericoloso, per questo nella guida è chiaramente scritto che non ce ne si assume la responsabilità di perdita della garanzia. Ci si può provare certo ma bisogna sempre mettere ben chiaro come funziona… A te è andata bene, molti altri con un semplice downgrade è andata male e hanno fatto scattare il contatore (con la tua stessa procedura)!

          • aldo

            Io non volevo lollipop quindi avrei anche acettato che il contatore segnale più uno. Ma non credo mi sia andato bene. La samsung spiega bene che reinstallato un sistema non cucinato ma ufficiale non succede assolutamente niente. È nel pieno diritto di scegliere il sistema. E se l’aggiornamento non mi soddisfa posso effettuare il ritorno. Naturale che tutto va fatto bene.

          • Alessandro Turba

            Fidati Aldo che in molti casi non si riesce a non invalidare il contatore. Anche su xda (dove sono ben più competenti) purtroppo non riescono a capire come mai alle volte anche con firmware originali non toccati non si riesca a tornare allo stato precedente senza invalidare la garanzia. Ovviamente non dico che la mia parola sia legge, ma invito comunque a prestare attenzione da quando è presente knox perche la probabilità di invalidarla è molto molto più elevata, contrariamente a tutti gli altri produttori dove invece flashare qualsiasi cosa non cambia assolutamente nulla al fine della garanzia!

          • aldo
          • Alessandro Turba

            Se leggi infatti dice di stare attenti ai downgrade che esattamente quello che ti dicevo… Non è sicuro e può essere un caso che ti sia andata bene. In ogni caso ne io ne webtrek scriveremo una guida dove spiegarlo rischiando di far perdere la garanzia a qualcuno 😉