The Witcher 3: easter egg si fa gioco delle protezioni DRM

Dopo mesi e mesi di attesa da parte dei giocatori appassionati del genere di tutto il mondo, finalmente lo scorso 19 Maggio è uscito The Witcher 3: Wild Hunt, titolo action-RPG sviluppato dai ragazzi di CD Projekt RED, disponibile in esclusiva per console di nuova generazione di Sony e Microsoft, rispettivamente Playstation 4 e Xbox One, oltre che ovviamente PC.

Il titolo, come ampiamente prevedibile d’altronde, è stato accolto in maniera estremamente positiva dalla critica videoludica e dai giocatori di tutto il mondo, grazie a una storia ben curata e narrata ottimamente, e le numerose missioni secondarie che assicurano una longevità davvero elevata, richiedendo circa un centinaio di ore di gioco per essere completato al 100%. Come accade spesso per alcuni titoli (come abbiamo visto Dying Light nel mese di Febbraio), anche The Witcher 3: Wild Hunt contiene numerosi easter egg, di cui vi avevamo parlato anche recentemente, mostrandovi quello inerente al mondo di Game of Thrones.

Nelle ultime ore, inoltre, è stato scovato un ulteriore easter egg, un po’ più particolare: quest’ultimo infatti si prenderebbe gioco dei DRM (acronimo per digital rights management), ovvero il sistema atto a proteggere i videogiochi originali. L’easter egg sarebbe presente all’interno di un libro, intitolato “Gottfried’s Omni-opening Grimoire“, in cui viene descritto un sistema di difesa, chiamato “Defensive Regulatory Magicon“. Sicuramente una divertente aggiunta da parte degli sviluppatori, che non mancano di certo di ironia.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.