Al WWDC 2015 la Apple ha voluto mostrare al mondo intero non solo le novità del nuovo sistema operativo iOS 9, ma soprattutto il nuovo servizio di streaming musicale. Si tratta di Apple Music e permette agli utenti di poter ascoltare tutta la musica che più si desidera. Non emerge però una netta differenza tra questo Apple Music e gli altri servizi di musica streaming già esistenti da tempo sul web e sui vari sistemi operativi.

Se si vuole fare un confronto tra Apple Music e Google Play Music tutto risulta essere praticamente uguale, anche l’obbligo di effettuare un abbonamento mensile. Quest’ultimo aspetto ad esempio non riguarda Spotify e non è un caso che tale servizio sia riuscito ad ottenere un enorme successo negli ultimi anni. Non sarà quindi molto semplice per Apple Music avere la meglio sugli altri, ma la casa di Cupertino ha scommesso tanto su questa novità.

Apple Music vs Google Play Music

L’abbonamento per Apple Music è di 9,99 euro mensili, lo stesso di Google Play Music, c’è però anche la possibilità di attuare una sorta di pacchetto famiglia. In poche parole con 14,99 euro mensili tutta la famiglia può usufruire di Apple Music, avendo ognuno la propria playlist musicale e così via. E’ possibile scegliere tra oltre 30 milioni di brani, stessa situazione di Google Play Music, con un servizio illimitato dedicato alle radio. Inoltre è valido sia per iOS che per Android.

Via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]