HTC continua a boccheggiare: anche il secondo trimestre fiscale 2015 (ovvero l’arco di mesi che include aprile, maggio e giugno) ha chiuso col segno meno rilevando una perdita netta pari a 8.03 miliardi di dollari taiwanesi (l’equivalente di 259.95 milioni di dollari statunitensi). Una condizione che non ci stupisce affatto, se non altro perchè del fatto che l’azienda fosse in crisi ne abbiamo già parlato in più occasioni così come lo ha fatto in prima persona lo stesso team dirigenziale.

Insomma, parliamo di un trimestre che si chiude esattamente come avevamo previsto e che in forza di ciò non aggiunge nulla di realmente nuovo nel panorama di HTC. Tuttavia un segnale arriva forte e chiaro: la compagnia di Taipei deve mettersi sotto per recuperare quel terreno che sta via via perdendo sotto i suoi stessi piedi.

E deve farlo sia ottimizzando le risorse interne, sia puntando a prodotti qualitativamente più alti di quelli visti sin’ora e provando a ritoccare anche i prezzi di vendita magari portandoli quanto meno un po’ al ribasso. Tre binari diversi, insomma, ma che corrono tutti quanti verso un’unica direzione: quella di risollevare le sorti di un’azienda in serie difficoltà.

Proprio in questo senso, d’altro canto, si muove il presunto HTC Aero di cui si sta facendo un gran parlare: questo smartphone il cui lancio è previsto per l’autunno, dovrebbe segnare un vero punto di svolta per il catalogo di prodotti dell’azienda. E stanti i fatti, l’auguro è che ci riesca sul serio!

fonte

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]