HTC torna al centro della scena mediatica e ancora una volta lo fa per via della crisi finanziaria che la sta attraversando. I risultati divulgati dall’azienda parlano ancora oggi di un terzo trimestre 2015 caratterizzato da perdite continue e mettono a nudo una serie di previsioni per nulla incoraggianti.

Come se non bastasse nella giornata odierna il titolo azionario della società ha toccato il valore più basso che sia mai stato registrato nell’ultimo decennio di presenza sul mercato, perdendo, di fatto, il 10% del suo valore (la quotazione di stamane era pari a 63 dollari taiwanesi). Per prendere atto del fenomeno ci basti sapere che il crollo è stato tanto vertiginoso da aver costretto la chiusura del titolo per via di una eccessiva volatilità.

Ma nonostante tutto ciò HTC smentisce categoricamente che provvederà a tagliare il personale: i costi verranno sicuramente ridotti ma a quanto pare la scure non si abbatterà sotto il profilo della forza lavoro. Tutt’al più si sta valutando l’idea di esternalizzare parti della produzione (che potrebbero essere affidate a due aziende indiane) affinchè i costi in eccesso vengano ridimensionati. Ma il personale no, non deve temere nulla. O almeno questo è quanto promesso da HTC in questa circostanza!

via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]