Per misurare il battito cardiaco potrebbero non essere più necessarie le fitness band: un team di ricerca che fa capo al Media Lab del MIT ha sviluppato BioPhone, un’applicazione che permette di monitorare il battito cardiaco e la frequenza di respirazione anche con lo smartphone lasciato in tasca o in una borsa. Come sia possibile rilevare questi dati senza che l’apparecchio sia a portata di mano?

Semplicemente servendosi di appositi sensori come accelerometro e giroscopio che, raccogliendo minime vibrazioni e movimenti corporei, permettono all’app di elaborare questi dati e di trasformarli in una informazione finale che ha appunto a che fare con il battito cardiaco e la frequenza respiratoria.

Il test è avvenuto con l’aiuto di dodici persone alle quali è stato chiesto di riporre in tasca o in una borsa il proprio smartphone con l’app BioPhone installata. Questi stessi soggetti si sono dati ad attività motorie di vario genere, e poco dopo sono stati fatti mettere a riposo.

L’app è così riuscita, proprio grazie ai dati raccolti dai sensori, a descrivere un quadro piuttosto interessante circa lo status di salute dei soggetti interessati. Tuttavia le informazioni elaborate da BioPhone sono risultate essere un po’ più elevate rispetto a quelle monitorate da una normale fitness band, pertanto il team di ricerca si è promesso di continuare a lavorarci sopra per rendere il tutto quanto più preciso possibile. Ben presto, insomma, gli smartphone potrebbero persino sostituire le smartband!

via

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]