“Destiny” di Bungie e Activision, dopo uno sviluppo difficile e un primo anno altrettanto delicato, ha trovato una sua dimensione dopo l’espansione che lo ha portato a chiamarsi “Destiny: Il Re dei Corrotti”. A quel punto sono iniziati però altri problemi: come mantenere vivo il gioco, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista contenutistico. La soluzione trovata è stata molto semplice: microtransazioni.

Sul PlayStation Store è per esempio apparso un nuovo elemento acquistabile per “Destiny: il Re dei Corrotti”: per soli… diciamo così… €30 potete garantire al vostro personaggio il livello 25 e una sottoclasse potenziata al massimo. Per dare una misura: portare il personaggio a livello 25 implica una dozzina di ore di gioco. Davvero le persone sono disposte a pagare, e non poco, pur di giocare dodici ore in meno a “Destiny: Il Re dei Corrotti”?

A proposito invece dei contenuti, Bungie ha recentemente annunciato che nel prossimo anno non ci saranno grandi DLC per “Destiny: Il Re dei Corrotti”, ma che arriveranno aggiornamenti anche grandi e importanti che aggiungeranno missioni permanenti e non solo brevi eventi a tempo come quello attuale, la Lega Gare degli Astori, che si è rivelato essere più un divertente passatempo che una aggiunta importante a un gioco con evidenti limiti nell’end-game.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]