Durante il CES di Las Vegas c’è un altro device annunciato per mano di Google e Lenovo: si tratta del primo smartphone con Project Tango, che per quanto sia stato reso noto in alcuni suoi aspetti calcherà il mercato vero e proprio solo in vista dell’estate e lo farà presumibilmente a meno di 500 dollari.

Le sue specifiche non sono state rese note in via ufficiale, ma in dotazione dovremmo trovare un display inferiore ai 6.5″ (non ci sono tuttavia dubbi in merito al fatto che sarà un phablet), un processore Qualcom Snapdragon, una fotocamera posteriore da 4 megapixel con visione a 180 gradi, una fotocamera da 4 megapixel con angolo di visione di 120 gradi e un sensore per il rilevamento di profondità da 180 x 320 pixel.

Naturalmente il fatto stesso che parliamo di uno smartphone Project Tango farà di lui un device capace di mappare l’ambiente circostante e di ricostruire in 3D ciò che è stato rilevato grazie all’aiuto di appositi sensori e di specifici software. In termini pratici significa che se dovesse rivelarsi utile, l’utente potrebbe esportare su schermo una stanza della casa, un ambiente, una persona e così via.

Si aprirebbero perciò un mare di diverse possibilità tanto lato utente quanto lato developer, ed è proprio per questo che Google ha deciso di farsi aiutare nella progettazione del device Project Tango mediante l’istituzione di Incubator, sito pensato per raccogliere idee e app che se scelte saranno installate di serie a bordo del dispositivo.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]