Co un tweet Sam Barlow ha annunciato l’inizio dei lavori su “Her Story 2”, seguito del suo piccolo capolavoro indipendente e uno dei migliori videogiochi del 2015, mostrando una versione censurata dell’1-pager (la sintesi in una pagina) del videogioco. Come precedentemente annunciato, non ci saranno collegamenti tra le trame di “Her Story” e “Her Story 2”, e i due titoli saranno legati più dal loro spirito comune che dai contenuti.

In “Her Story” devo sfruttare l’antiquato sistema di ricerca di un database della polizia per esplorare un omicidio avvenuto molti anni prima. Ho recuperato le riprese degli interrogatori della moglie della vittima, tantissimi piccoli video, uno per ogni risposta della donna, in cui le domande degli inquirenti sono andate però perdute. E l’unico modo che ho per muovermi da un filmato all’altro è cercare parole e frasi nel database, che è capace di mostrarmi ogni volta i primi cinque frammenti (in ordine cronologico) in cui quella parola o quella frase è stata pronunciata.

La storia di “Her Story” è quindi una sola, anche se molti dubbi resteranno aperti alla fine dell’indagine e molte sono le possibili interpretazioni della vicenda, ma molteplici sono le strade che posso percorrere per esplorare l’interrogatorio, incontrare i suoi colpi di scena e capire infine come sono accaduti gli eventi. Oltre all’interessante meccanica di gioco, “Her Story” si è distinto per la qualità della recitazione di Viva Seifert, l’attrice che, unica voce e presenza del gioco, recita in tutti i filmati dando al suo personaggio credibilità e donando nuova speranza all’uso di video con attori in carne e ossa nei videogiochi.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]