News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Dark Souls Prepare to Die Edition torna online

Dopo l’uscita di “Dark Souls 3” i server del “Dark Souls” originale per PC (“Dark Souls: Prepare to Die Edition”) hanno misteriosamente smesso di funzionare. Bandai Namco e FromSoftware non hanno rilasciato alcuna dichiarazione ufficiala a riguardo, anche se il community manager della divisione americana di Bandai Namco ha detto di essere a conoscenza del problema e di averlo fatto presente agli sviluppatori. Oltre a questo, completo silenzio e nessun annuncio.

A quanto pare, i server sono ora di nuovo online, permettendo le varie attività multiplayer di “Dark Souls: Prepare to Die Edition” (lasciare e leggere messaggi, vedere gli ultimi momenti di vita di altri giocatori morti da poco, evocare spettri di giocatori in soccorso e invadere ed essere invasi). Giocare in multiplayer a “Dark Souls: Prepare to Die Edition” e trovare altri giocatori può essere complicato anche senza problemi ai server, non tanto per l’assenza di una comunità attiva (“Dark Souls: Prepare to Die Editon” è più vivo di molti giochi appena usciti) ma per i difetti del matchmaking del videogioco.

Le origini di questa settimana di malfunzionamento sono, comunque, ancora sconosciute. Vedendo i cambiamenti al database di Steam sembrerebbe che il multiplayer sia stato spento volontariamente dopo aver appositamente creato una funzione che permetta di spegnerlo e accenderlo. Oppure, che l’aggiunta e l’alterazione di una nuova variabile abbia inaspettatamente causato i problemi ai server, senza pensare che sia stato un atto volontario.  Per quanto su internet giri il sospetto che questa sia una mossa di FromSoftware e Bandai Namco per spostare utenti da “Dark Souls: Prepare to Die Edition” trovo che una simile teoria sia un po’ troppo maliziosa.