Final Fantasy XV avrà DLC e la versione PC non sarà un port

Hajime Tabata, direttore di “Final Fantasy XV”, ha raccontato a JeuxVideo.com qualche nuovo dettaglio sulla nuova opera di Square Enix in uscita a settembre. Secondo Tabata, “Final Fantasy XV” conterrà meno cut-scene dei precedenti episodi e Square Enix ha invece inserito le parti della storia più prettamente narrative e meno interattive in “Kingsglaive”, il film che farà da prologo al videogioco. Come in tutti i “Final Fantasy”, anche in “Final Fantasy XV” sarà possibile inoltre spostarsi su un mezzo volante nelle fasi avanzate del gioco: in questo ultimo capitolo della serie il mezzo sarà l’auto dei personaggi, la Regalia, che potrà essere appositamente personalizzata e potenziata (la vedete nell’immagine in apertura dell’articolo).

Su “Final Fantasy XV” lavorano circa 300 persone (Tabata dice che è difficile quantificare il numero totale delle persone impegnate in questo momento nel progetto) e il gioco è in una fase dello sviluppo molto avanzata (è già iniziata anche l’opera di localizzazione): la squadra si sta ora occupando del bilanciamento e lavora su dettagli come l’esperienza guadagnate e quella necessaria per avanzare di livello, la potenza delle armi, la velocità delle animazioni, la pulizia del codice e l’ottimizzazione del framerate.

“Final Fantasy XV” avrà DLC, ma cosa questo contenuto aggiuntivo conterrà verrà svelato solo in estate. La squadra vorrebbe creare qualcosa che sappia prolungare il piacere del gioco, qualcosa che i giocatori possano effettivamente aspettare con entusiasmo. Inoltre, Tabata è tornato a parlare della possibile versione PC di “Final Fantasy XV”, su cui vorrebbe lavorare dopo aver ultimato quella console per spingere il gioco a nuovi livelli tecnici e integrare cose che sono state eliminate nella versione console a causa dei limiti della macchine. Per fare questo, però, sarà necessario ripartire quasi da zero, e non fare un semplice port di “Final Fantasy XV” per console.