Huawei P9, il processore Kirin 955 a nudo nei primi benchmark

Huawei P9 ha portato un mare di novità con sé, e uno degli aspetti senz’altro più interessanti riguarda proprio la presenza del processore proprietario HiSilicon Kirin 955, ossia dell’ultimo SoC che la casa cinese ha lanciato proprio per equipaggiare i suoi device di fascia alta. Parliamo di una CPU octa-core dotata di quattro core Cortex-A72 operanti a 2.5GHz e di altri quattro core Cortex-A53 da 1.8GHz: una differenza praticamente minima rispetto al Kirin 950 già visto a bordo di Huawei Mate 8, poiché di fatto ora ci si limita ad una frequenza che nei Cortex-A72 è di appena 200MHz in più rispetto al predecessore.

E proprio lui, Kirin 955, sta cominciando ad uscire allo scoperto grazie ai primi test di benchmark che vogliono metterne un po’ alla prova le performance: emerge così che nei test multi-core, il nuovo chipset finisca per ottenere un risultato persino inferiore rispetto a quello ottenuto dal Kirin 950 di Mate 8; per quel che riguarda invece il single core siamo sempre là, anche se le prestazioni sono leggermente migliori rispetto a prima.

Tra i due processori non vince sostanzialmente nessuno, anzi, è lecito affermare che Huaewi P9 e Huawei Mate 8, quanto meno sotto il punto di vista della CPU, sono praticamente sullo stesso piano. Netta è invece la differenza rispetto a Huawei P8, ma per quanto buono sia, il nuovo SoC di Huawei e più in generale la linea degli HiSilicon Kirin ha ancora diversa strada da fare per raggiungere le soluzioni di Qualcomm e Samsung.

via

lascia un commento