Amazon, app rimossa dal Windows Store: farà la fine di PayPal?

Il mondo Windows Phone sta letteralmente cadendo a pezzi, tanto è vero che dopo l’indiscrezione (sempre più credibile) di una Microsoft intenzionata ad abbandonare lo sviluppo di questo progetto, e dopo aver preso atto che questo sistema operativo rappresenta a malapena l’1% del mercato globale, ora ad avvolgere di buio questo progetto ci si mettono anche dei pezzi grossi che volta dopo volta si dicono non più interessati a proseguire la loro avventura nel mondo Windows.

Anche Amazon ha infatti deciso di tirarsi indietro, rimuovendo la sua applicazione ufficiale dal Windows Store e dando modo agli utenti che hanno un terminale Windows tra le mani di poter far uso del marketplace solo tramite browser web. Chi avesse effettuato il download dell’app prima della rimozione, però, avrà comunque modo di utilizzarla senza pensieri (o almeno fino ad ora è questo quel che sembra garantito).

Il colosso di Seattle non si è ancora espresso su questa faccenda, ma è probabile che di qui a breve interverrà tramite delle dichiarazioni ufficiali che possano far luce su questo cambio di passo e che, eventualmente, spieghino anche le motivazioni per cui l’applicazione Amazon sia stata rimossa dal Windows Store.

Come davamo modo di intendere all’inizio, quello di Amazon non è comunque il primo caso di questo genere: anche PayPal nei giorni scorsi ha annunciato di volersi defilare tanto dagli smartphone Windows Phone quanto da quelli con BlackBerry OS. Che l’OS di Microsoft stia per volgere alla fine di un’epoca?

via