God of War per PS4: nuove informazioni su gameplay e storia

God of War per PlayStation 4 è stato indubbiamente il grande annuncio di Sony durante la conferenza per l’E3 2016 di Los Angeles. Nel corso del Live Coverage organizzato per l’occasione, il direttore creativo Cory Barlog e il doppiatore Christopher Judge, nuova voce di Kratos, hanno parlato del gioco, svelando qualche interessante retroscena sullo sviluppo e nuove informazioni sul gameplay.

Innanzitutto, Barlog si è detto assolutamente “stupefatto” della straordinaria accoglienza riservata a Kratos nel momento in cui la sua figura è apparsa sul maxischermo della conferenza. L’obiettivo del team è quello di ricostruire il franchise dalle fondamenta: sono state esplorate diverse possibilità prima di arrivare alla visione mostrata a Los Angeles. Neanche la scelta della mitologia è stata semplice: sono state esplorate varie scelte e, a differenza di quanto si crede, non si è finiti nell’era dei Vichinghi. Prima di essa c’è stata un’epoca di migrazione, anticipata da un’era di pre-migrazione in cui è effettivamente ambientato il nuovo God of War: si tratta dell’Era in cui, secondo i Vichinghi, gli Dei usavano camminare sulla Terra tra gli uomini.

e3 2016 sony

Kratos e suo figlio si ritrovano quindi in un mondo in cui qualsiasi cosa risulta ostile. Il protagonista è il classico straniero in terra straniera, mentre il figlio è l’unico in grado di capire la lingua locale, che viene parlata dal troll incontrato nella demo. Si capisce insomma, e di fatto è confermato, che gran parte della storia ruoterà sul rapporto tra padre e figlio, per risvolti emozionali inediti per la saga. Kratos stesso si rende conto in fondo di essere cambiato e di non essere più quello di una volta. Il suo personaggio non è stato ricostruito da zero, assicura il team, è semplicemente un Kratos invecchiato, nel corpo e nello spirito.

Per quanto riguarda il gameplay, ci saranno elementi tratti dai giochi di ruolo e un relativo sistema di progressione, anche se non è ancora stato stabilito il suo funzionamento. È importante e interessante sottolineare che persino l’ascia vista nella demo ha una sua storia: nulla vuole essere lasciato al caso. In tal proposito, il sistema di combattimento vanta un set di controlli con una filosofia del tutto inedita: il nuovo God of War è in via di sviluppo da diverso tempo e tante cose sono cambiate dall’inizio prima di trovare il giusto equilibrio.

Per chiudere, non ci sono ancora dettagli sul nome del figlio, che il team per qualche ragione preferisce tenere segreto. Il rapporto sul padre sarà tutto incentrato sull’insegnamento: Kratos istruirà costantemente il ragazzo per sopravvivere in un mondo pericoloso. Ci sarà persino un pulsante esclusivamente dedicato all’interazione col figlio, in modo che questi esegua certe azioni durante il gioco, sia in battaglia, sia in esplorazione. Ancora nessuna notizia sul periodo di lancio.

Via