Samsung Galaxy Note 7, niente Android N: a bordo ancora Marshmallow

In questi giorni si sta facendo un gran parlare di Samsung Galaxy Note 7. Proprio di recente abbiamo infatti avuto delle prime conferme in merito al fatto che il prossimo phablet di casa Samsung si chiamerà proprio in questo modo, e che dovrebbe pertanto saltare dal 5a direttamente alla 7a generazione. Per di più, sempre negli ultimi giorni sono anche cominciate ad emergere delle prime immagini leaked che tentano di far luce sul suo design, e una manciata di ore fa è invece arrivata una novità che chiama in causa l’ambiente software di questo top di gamma.

Secondo ultimissime indiscrezioni, infatti, Galaxy Note 7 dovrebbe uscire allo scoperto entro i primi giorni di settembre e farlo non con Android N come forse tutti noi ci aspettavamo, ma presentarsi invece con una piattaforma software basata ancora su Android 6.0.1 Marshmallow. Sembra persino che il colosso coreano non abbia neanche testato Android N su questo prossimo phablet, per cui è evidente che quanto meno sotto questo punto di vista gli utenti si ritroveranno a dover convivere con un’eredità lasciata dalla “vecchia generazione Android”.

Ma per quanto riguarda il resto della scheda tecnica, cosa sappiamo? I rumor che si sono susseguiti finora hanno descritto un Samsung Galaxy Note 7 equipaggiato con uno schermo 5.8″ QHD, animato da un processore Snapdragon 823/Exynos 8890 e reso particolarmente prestante da una RAM da 6GB. In dotazione dovremmo poi trovare un taglio di memoria minimo da 32GB, fotocamere da 12 e 5 megapixel, 4.200 mAh di batteria, certificazione IP68 e un sensore di impronte digitali (forse abbinato ad uno scanner dell’iride).

via

lascia un commento