Zelda Breath of the Wild non crede più nel GamePad dello Wii U

Nintendo ha fatto del gioco su due schermi un importante elemento delle sue console sin dal Nintendo DS. Nintendo DS, Nintendo DSi, Nintendo 3DS e Wii U sfruttano tutte due schermi durante le partite, anche se l’aver separato i due schermi su due diversi dispositivi, la televisione e il GamePad, ha evidentemente creato dei problemi nello Wii U, un difficile equilibrio e un continuo dover togliere l’attenzione dall’azione. E questo sta portando Nintendo ha rinunciare a questa caratteristica, sempre poco sfruttata, al punto che ad anni dall’uscita della console solo ora Nintendo crea giochi pensati per valorizzarla (come “Star Fox Zero”), ma che non sarà presente in “The Legend of Zelda: Breath of the Wild”.

Uno dei motivi potrebbe essere il Nintendo NX. “The Legend of Zelda: Breath of the Wild” dovrà girare anche sulla prossima console Nintendo e, dichiara Aonuma in un’intervista a Wired, le due versioni (quella NX e quella Wii U) saranno sostanzialmente identiche come gameplay e controlli. Quindi Nintendo NX avrà un classico sistema di controlli con pulsanti e levette analogiche (almeno come controlli secondari ma disponibili) e potrebbe non avere un secondo schermo a disposizione (strano, considerando che ci aspettiamo comunichi con una periferica portatile). La ragione che Aonuma dà per la decisione di lasciar totalmente fuori il GamePad dello Wii U da “The Legend of Zelda: Breath of the Wild” è però un po’ sorprendente, provenendo da Nintendo.

“Ci siamo resti conto che avere qualcosa sul GamePad e dover alternare lo sguardo in su e in giù tra televisione e GamePad in realtà disturba il gioco e la concentrazione che il giocatore avrebbe. In automobile, hai il tuo GPS davanti a te sul cruscotto. Se lo avessi sulle tue ginocchia faresti un incidente”. E ci sono voluti quattro anni di Wii U per rendersene conto? In fondo nessuno ha mai creduto nel GamePad dello Wii U, ma i remaster per Wii U di “The Legend of Zelda: The Wind Waker” e “The Legend of Zelda: Twilight Princess” rendevano disponibili sul GamePad mappa e inventario e guadagnavano effettivamente in comodità e accessibilità. È strano che “The Legend of Zelda:Breath of the Wild” rinunci anche a queste caratteristiche vincenti (sul GamePad sarà visibile solo un riassunto dei controlli del gioco). Naturalmente, il GamePad dello Wii U potrà essere usato per giocare a “The Legend of Zelda: Breath of the Wild” senza monopolizzare il televisore di casa. Necessario, considerando le dimensioni del gioco: nella stessa intervista Aonuma afferma che la demo vista all’E3 copre appena l’1% di “The Legend of Zelda: Breath of the Wild”.