Shadow of Mordor completo a 6 euro è un’offerta che non potete perdere

“Middle-earth: Shadow of Mordor” di Monolith (a volte il titolo viene tradotto in “La Terra di Mezzo: L’Ombra di Mordor”) è stato uno dei più interessanti esperimenti di questa generazione e una delle poche dimostrazioni che il passaggio da PlayStation 3 e Xbox 360 a PlayStation 4 e Xbox One poteva essere usato non tanto per migliorare la grafica ma per arricchire in modo significativo il mondo di gioco. Ambientato nel mondo de “Il Signore degli Anelli”, ma in una continuity alternativa e a volte piuttosto incoerente con quella canonica e ufficiale, “Middle-earth: Shadow of Mordor” mi mette nei panni di Talion, Ramingo ucciso da uno stregone di Sauron e legato nella non-morte allo spettro smemorato di un elfo.

“Middle-earth: Shadow of Mordor” potrebbe essere definito l’incontro tra il sistema di combattimento dei “Batman: Arkham”, con schivate, contrattacchi e mosse eseguite pigiando coppie di tasti del gamepad, e l’esplorazione open-world degli “Assassin’s Creed”. Ci son persino le torri sopra cui salire per attivare le missioni delle aree in cui si arriva per la prima volta. Questa descrizione sarebbe però un po’ ingiusta e non evidenzia la vera particolarità di “Middle-earth: Shadow of Mordor”: il sistema Nemesi. “Middle-earth: Shadow of Mordor” è caratterizzato soprattutto dai suoi nemici, gli Orchi e gli Uruk-hai contro cui mi scontro e che sono creati e resi unici da un sistema di generazione procedurale. In “Middle-earth: Shadow of Mordor” i nemici crescono insieme a me, tornano dopo essere stati sconfitti memori delle ferite che ho loro inflitto e diventano più potenti e salgono di grado nell’esercito di Sauron sconfiggendomi.

Se vi siete persi questo interessante gioco, che avrà un seguito non appena Warner bros. (che lo ha prodotto) riuscirà a far pace col mercato dei giochi per PC, potete trovarlo sino a fine settimana a un prezzo scontatissimo su Bundle Star. A €5,99 potete avere il gioco base più tutte le sue espansioni. Alcune sono espansioni estetiche abbastanza inutili, altre aggiungono Rune (abilità passive) anche troppo potenti e un po’ sleali, altre aggiungono missioni e i due DLC grandi (“Signore della Caccia” e “Il Lucente Signore”) sono abbastanza superflui, soprattutto perché sganciati dalla vicenda principale. Ma a questo prezzo è davvero un peccato lasciarsi sfuggire l’occasione. Attenzione: l’offerta finisce tra cinque giorni.