Come collegare smartphone alla TV e proiettare lo schermo

Più gli smartphone si evolvono e più i telefoni cellulari sono avanzati. Oggi giorno la tecnologia si è evoluta così tanto che sui dispositivi mobili con sistema operativo Android, sugli iPhone e sui dispositivi Windows Phone, possiamo riprodurre qualsiasi cosa. Adesso hanno praticamente le stesse funzioni che troviamo sui PC Windows e sui Mac, e c’è poco che non si possa fare su uno smartphone. Con gli smartphone Samsung, Huawei, LG e di tutte le altre marche, possiamo vedere film e video, installare applicazioni gratis che si comportano come veri e propri programmi, navigare in internet, giocare ai videogiochi e tanto altro. E’ rimasta una sola limitazione durante l’utilizzo di uno smartphone o di un tablet rispetto a PC e TV: lo schermo.

Sebbene sui display dei dispositivi mobili troviamo alte risoluzioni come il Full HD e il Quad HD, sono comunque troppo piccoli per un utilizzo multimediale. E’ per questo che sorge in automatico il bisogno di collegare smartphone alla TV. Dato che gli smartphone si possono utilizzare come veri computer o media center, collegarli ad una televisione permette di sfruttare al massimo tutte le loro potenzialità. Fortunatamente il collegamento con le televisioni esiste, che siano Sony Bravia, Philips o altri tipi, e gli smartphone si possono connettere in principalmente 2 modi. Il primo è attraverso un cavo, e quindi tramite USB o HDMI. Si tratta di un collegamento affidabile ma limitato in quanto non si può utilizzare lo smartphone a distanza: per questo è più indicato per gli utilizzi multimediali che non hanno bisogno di utilizzare lo smartphone durante la fruizione dei contenuti.

Il secondo modo è senza cavi, ossia tramite il wireless, con metodi come lo screen mirroring o mirror link. Questo è un metodo di collegamento più adatto a coloro che vogliono utilizzare lo smartphone per la navigazione oppure per usufruire di applicazioni, ma vanta una connessione meno efficiente perchè non è presente un cavo e funziona tutto a distanza. Vi abbiamo mostrato in una guida come creare DVD video e CD audio per TV e lettori. E vi abbiamo anche spiegato in un’altra guida come proteggere la propria rete WiFi per evitare accessi indesiderati. Con questa nuova guida vi spieghiamo nel dettaglio come collegare smartphone alla TV e proiettare lo schermo attraverso tutti i metodi disponibili.

Miracast (Android e Windows Phone)

collegare smartphone

La funzionalità Miracast permette di proiettare lo schermo dello smartphone attraverso la connettività WiFi alla TV, e nello specifico con il Wi-Fi Direct. Non c’è quindi bisogno di nessun cavo e il display viene trasmesso senza fili e nella massima comodità. Il risultato sarà che gli stessi contenuti verranno visualizzati sia sullo schermo dello smartphone che sul monitor della TV. La tecnologia è presente sul sistema operativo del robottino verde dalla versione Android 4.4 KitKat in su e su quello di casa Microsoft Windows Phone. Ma ciò non esclude che ci siano modelli che non la presentano, specie tra quelli datati o tra gli smartphone economici di fascia bassa. Tuttavia per funzionare c’è bisogno che la tecnologia sia supportata non solo dallo smartphone, ma anche dal televisore. E come avrete già capito la TV deve essere dotata di WiFi affinchè possa supportare questa tecnologia. Controllate se il supporto è presente dal libretto di istruzioni del vostro televisore o smanettando nei menu. A volte questa tecnologia viene anche identificata come screen mirroring: è pressochè la stessa cosa. Per quanto riguarda la qualità del collegamento, ovviamente è meno efficiente di quando ci si diletta a collegare smartphone a TV attraverso un cavo. Con il WiFi ci potrebbero essere lag, specie nella riproduzione video e mentre si gioca. In molti smartphone ci sono ritardi, e quindi questa tecnologia è adatta perlopiù alla visione delle immagini e alla navigazione (o alla lettura).

Per utilizzare la tecnologia Miracast innanzitutto attivate il WiFi sulla vostra televisione, e controllate nei menu dov’è l’opzione per effettuare lo screen mirroring, ossia la trasmissione dello schermo da smartphone a TV. Dopo aver fatto ciò prendete il vostro Android, trascinate in basso la barra delle notifiche con uno  swipe ed attivate il WiFi premendo sulla relativa icona. Adesso andate sulle Impostazioni scegliendo l’icona dell’ingranaggio nel menu. Scegliete poi la scheda Display, e selezionate la voce Trasmetti schermo. Trovate fra i dispositivi il televisore a cui volete collegare smartphone e toccateci sopra, quindi aspettate la sincronizzazione dello schermo con quest’ultimo.

Su Windows Phone il procedimento è altrettanto facile. Innanzitutto attivate il WiFi. Poi andate anche qui sulle Impostazioni e trovate l’opzione Proietta lo schermo. Trovate nella lista dei dispositivi ricercati il nome del televisore e toccateci sopra per effettuare il collegamento con quest’ultimo, quindi attendete che la sincronizzazione sia completata per visualizzare  il display sul televisore.

Cavo MHL (Android)

collegare smartphone

La tecnologia MHL è la più veloce ed efficiente in assoluto per collegare smartphone al televisore e proiettare lo schermo. In pratica non si deve fare altro che collegare un cavo e selezionare un’opzione, ma c’è un ma. La TV prima di tutto deve essere dotata di una porta HDMI per poter utilizzare questa tecnologia, e come seconda cosa questa porta HDMI deve anche essere dotata della tecnologia MHL per trasmettere lo schermo. Lo stesso vale ovviamente per la porta USB dello smartphone, attraverso la quale quest’ultimo si collega alla TV. Potete verificare la presenza della tecnologia MHL dal libretto di istruzioni del dispositivo interessato: se non c’è vuol dire che non è supportata. In più la TV deve disporre anche di una porta USB, in quanto il cavo MHL va alimentato proprio attraverso questa porta per funzionare, mentre la porta HDMI serve solo per trasmettere lo schermo.

Per collegare smartphone alla TV attraverso la tecnologia MHL prima di tutto bisogna acquistare un cavo MHL. Questi cavi hanno da una parte l’attacco micro USB oppure USB Type C a seconda della porta dello smartphone che volete collegare alla TV. Dall’altro lato del cavo c’è invece un attacco HDMI full size che si va a collegare alla porta HDMI del televisore. Potete trovare questi cavi su Amazon oppure nei migliori negozi di elettronica. Una volta acquistato il cavo iniziate a collegare smartphone alla TV tramite esso, e poi accedete al menu delle opzioni della TV. Selezionate quindi l’interfaccia utente HDMI e il collegamento dovrebbe essere stabilito in automatico. La risoluzione garantita è la Full HD con 1080 x 1920 pixel, e viene trasmesso anche l’audio.

Chromecast (Android, iOS e Windows)

collegare smartphone

Chromecast di Google è il metodo per collegare smartphone a TV utilizzabile da tutti coloro che non hanno una TV con la tecnologia Miracast, MHL o altri tipi di tecnologie per il collegamento di telefoni cellulari al televisore. Per poter utilizzare questa tecnologia è però necessario comprare un piccolo accessorio dal nome omonimo, e la televisione deve disporre di una porta HDMI affinchè il collegamento possa avere atto. Questo piccolo dispositivo permette di collegare smartphone alla TV sia senza fili, ossia tramite la connettività WiFi, che con un cavo. Il Chromecast si può acquistare su Amazon e nei migliori negozi che trattano tecnologia, sia online che fisici. Questo dispositivo è compatibile con tutti i sistemi operativi principali: Android, iOS e Windows Phone. In più la compatibilità è presente anche per i PC, i notebook e i tablet con i sistemi operativi Windows e Mac OS X. Tramite il Chromecast su Android si può non solo proiettare il display, ma è possibile anche l’accesso ai dati presenti in ogni dispositivo collegato direttamente dalla TV. Anche se tuttavia è in molti casi abbastanza inutile dato che è già proiettato il display intero. Per quanto riguarda iPhone e dispositivi Windows Phone invece è possibile solamente l’utilizzo dei contenuti multimediali e non si può proiettare il display. Tra le applicazioni aggiuntive che si possono utilizzare con Chromecast se avete un iPhone (oltre alla condivisione dei dati) sono YouTube, Netflix, Infinity, Allcast, Plex e Spotify.

Per utilizzare il Chromecast bisogna prima di tutto collegarlo alla porta HDMI della TV alla quale si vuole collegare smartphone e poi configurarlo. Scegliete dal menu della TV l’interfaccia utente HDMI attraverso il menu opzioni per far apparire la schermata del Chromecast dopo averlo collegato. Si aprirà una breve configurazione molto facile da effettuare: completatela seguendo i passaggi a video. Se volete trasmettere un contenuto alla TV collegate sia il Chromecast che lo smartphone interessato alla stessa rete WiFi con cui navigare in internet. Una volta collegati aprite su smartphone il contenuto da trasmettere, e tramite la funzione Condividi selezionate l’icona per trasmettere il contenuto, di solito identificata da una sorta di schermo con delle onde wireless vicino. Il contenuto verrà immediatamente trasmesso alla TV e visualizzato su quest’ultima. Come vi abbiamo accennato, se avete un dispositivo Android, che sia uno smartphone o un tablet, potete anche proiettare lo schermo sulla TV grazie al Chromecast. Per farlo dovrete seguire un procedimento molto simile a quello del Miracast, ossia dello screen mirroring. Dopo la configurazione del Chromecast prendete il vostro dispositivo Android ed andate nelle Impostazioni toccando sull’icona dell’ingranaggio che si trova nel menu. Scegliete quindi la voce Display all’interno delle impostazioni e poi toccate su Trasmetti schermo. Si aprirà una piccola maschera con tutti i dispositivi disponibili per collegare smartphone: selezionate il Chromecast ed il collegamento tra smartphone e TV partirà in automatico proiettando lo schermo.

DLNA (Android e iOS)

DLNA sta per Digital Living Network Alliance ed è una tecnologia che permette di collegare smartphone alla TV per trasferire i dati. Non stiamo quindi parlando di proiettare lo schermo dello smartphone alla televisione, ma solo ed esclusivamente di visualizzare i file presenti nella memoria dello smartphone sulla TV. Il collegamento avviene senza fili, e quindi attraverso l’ausilio della connettività WiFi. I file interessati sono i video, le immagini e la musica: app e altro non sono supportati. Per utilizzare questa connettività dovete innanzitutto accertarvi di avere una Smart TV compatibile con questa tecnologia.

Il DLNA è disponibile per il sistema operativo Android e per iOS di iPhone e iPad Apple. Per utilizzare questa tecnologia c’è bisogno di installare una applicazione dedicata: alla fine di questo paragrafo trovate il link sia per quanto riguarda gli smartphone Android che per iOS. L’applicazione che vi consigliamo, che è tra le migliori per questo scopo, è iMediaShare. Scaricate l’app iMediaShare ed installatela sul vostro dispositivo, dopodichè apritela e collegate sia lo smartphone che la TV alla stessa rete WiFi. Attraverso le opzioni di iMediaShare iniziate a collegare smartphone alla TV, dopodichè scegliete i contenuti da visualizzare tra Video, foto, musica ed alcune altre funzionalità.

Vi lasciamo il link per scaricare gratis questa app Android per il DLNA al fine di collegare smartphone alla TV direttamente dal Play Store: iMediaShare – Foto e Musica

Vi lasciamo il link per scaricare gratis questa app Android per il DLNA al fine di collegare smartphone alla TV direttamente dal Play Store: iMedia Share – Stream Foto, Video e Musica

Collegare iPhone a TV: Adattatore Lightning

Come succede con la tecnologia MHL per gli smartphone Android, anche gli iPhone si possono collegare alla TV attraverso il cavo. E come vi abbiamo già detto per Android, il collegamento via cavo è quello più affidabile. I dati attraverso i cavi passano con una connessione molto più veloce e stabile, e quindi se vi dilettate a collegare smartphone alla TV con un cavo avrete meno ritardo ed una esperienza di utilizzo di molto migliore. Ovviamente c’è lo svantaggio di stare attaccati ad un cavo e non avere la massima libertà di movimento, ma se desiderate utilizzare la proiezione dello schermo per vedere film e video questo è il metodo ottimale.

Per collegare smartphone di casa Apple al televisore c’è bisogno di un adattatore che è stato realizzato dalla stessa casa produttrice di Cupertino. Come tutti gli accessori di casa Apple costa un po’ più del normale, ma in compenso avrete la massima affidabilità e stabilità del collegamento. Si chiama Apple MD826ZM/A e presenta due uscite: da una parte Lightning per collegarlo all’iPhone e da una parte un attacco HDMI per un cavo da collegare al televisore.