PS4 Pro fa girare alcuni giochi peggio di PlayStation 4 su TV a 1080p

PlayStation 4 Pro è certo un valido acquisto per chi possiede una TV a risoluzione 4K e HDR (solo in alcuni casi è capace di 4K nativo, ma la qualità raggiunta è tale da ingannare l’occhio umano e da non essere distinguibile dal 4K vero e proprio) ma pone dei problemi per chi invece ha ancora un televisore fermo alla risoluzione di 1080p, al punto che in questo caso alcuni giochi (solo alcuni!) funzionano in modo peggiore che sulla normale PlayStation 4.

La scoperta proviene da Digital Foundry e il problema nasce a quanto pare da come PlayStation 4 Pro gestisce le risoluzioni inferiori a quella massima ottenibile. Qualche gioco, quando la PlayStation 4 Pro è attaccata a una TV a 1080p, viene renderizzato comunque a una risoluzione maggiore e poi scalato a 1080p, un processo impegnativo che diminuisce il numero di fotogrammi al secondo portando il framerate sotto quello ottenibile con una normale PlayStation 4. Aggiungeteci a questo il peso degli ulteriori effetti grafici aggiuntivi che possono essere stati implementati su PlayStation 4 Pro.

Tutto questo va contro i progetti di Sony che, invece, avrebbe specificato che tutti i giochi sarebbero dovuti andare su PlayStation 4 Pro almeno allo stesso numero di fps raggiunti sulla normale PlayStation 4, cioè che in nessun gioco la maggiore risoluzione avrebbe dovuto causare una diminuzione del framerate. Attualmente, “Watch Dogs 2”, “Skyrim” e “The Last of Us”, che sono già compatibili con PlayStation 4 Pro, presentano sulla nuova console Sony problemi assenti su PlayStation 4, e anche “Deus Ex: Mankind Divided” ha cali di framerate assenti in origine. “The Last of Us” presenta su PlayStation 4 Pro due diverse modalità: può girare a 1800p con 60 fotogrammi al secondo o a 4K con 30 fotogrammi al secondo, ma in entrambe le modalità ha perdite di fps che non si trovano su PlayStation 4.

Sony sta naturalmente investigando sul problema, che potrebbe essere risolto semplicemente permettendo di abilitare la grafica base della PlayStation 4 anche su PlayStation 4 Pro, perdendo però in gran parte il senso dell’esistenza stessa di questa console. Accade così quando compagnie che non riescono ancora a garantire 60 fotogrammi al secondo stabili (e, spesso, neanche 30 fps) decidono di investire denaro e tecnologia non per migliore il framerate ma per dare una risoluzione simile al 4K nativo a pochi giocatori che possano goderselo. Comunque, il lancio di PlayStation 4 Pro ha fatto triplicare le vendite della PlayStation 4 nel Regno Unito, e il 65% delle console Sony vendute nei giorni del lancio della nuova PlayStation 4 erano PlayStation 4 Pro. A fine 2017 anche Microsoft presenterà una versione più potente di Xbox One, attualmente chiamata Project Scorpio, che permetterebbe il 4K nativo.