World of Warcraft 7.3 porterà i giocatori su un nuovo pianeta

I videogiocatori di “World of Warcraft” sono abituati a un mondo fantasy dove i viaggi interstellari sono stranamente accessibili. La serie di “Warcaft” è sin dal principio ambientata nel mondo di Azeroth, un pianeta dalla storia antica e patria di molteplici razze tra cui quella umana, ma è da sempre centrarle nella trama anche il pianeta di Draenor, dove son nati gli Orchi che si son poi mossi attraverso il Portale su Azeroth per conquistarsi una nuova casa (storia in parte riadatta nel film “Warcraft – L’inizio” di cui trovate qui la recensione). Non mi stupisco, insomma, che in futuro “World of Warcraft” porterà i giocatori su un altro pianeta, Argus. Ma sono stupito che lo farà con una patch (la 7.3) e non con un’espansione.

Ho provato a riassumere i dettagli principali delle prossime due patch di “World of Warcraft” nel mio articolo sugli annunci della BlizzCon 2016, ma questi due aggiornamenti non concludono il lavoro di Blizzard Entertainment su “World of Warcraft: Legion”. Argus è il pianeta originario della razza dei Draenei (Garona, centrale in “World of Warcraft – L’inizio”, è per metà di questa razza), fuggita dal pianeta quando parte della sua popolazione si è lasciata corrompere dal titano Sargeras entrando nella Legione Infuocata. Argus, che si pensava un tempo fosse distrutto, è ancora uno dei principali centri della Legione Infuocata contro la quale le razze di Azeroth, Orchi compresi, combattono, ed è assai sensato che “World of Warcraft: Legion” termini su questo pianeta.

Secondo quanto dichiarato durante un’intervista a Kotaku da Ion Hazzikostas (direttore di “World of Warcraft”), Blizzard sta già lavorando a una nuova espansione per “World of Warcraft”, ma intende stavolta aggiungere con gli aggiornamenti nuovi contenuti a “World of Warcraft: Legion” evitando un lungo periodo di vuoto tra un’espansione e l’altra. Mentre cambiamenti importanti, come l’introduzione di interi continenti, di antagonisti principali e di nuove meccaniche (come le Armi Artefatto di “World of Warcraft: Legion”) e l’innalzamento del level cap resteranno prerogativa delle espansioni, Blizzard si impegna per l’ennesima volta ad arricchire maggiormente di contenuti attraverso gli aggiornamenti. Hazzikostas riconosce che questo nuovo indirizzo di Blizzard ritarderà effettivamente l’uscita della nuova espansione, ma crede che in questo modo l’attesa risulterà meno vuota, e Blizzard non vuole perdere tutti i giocatori che “World of Warcraft” si è riconquistato grazie a “Legion” durante l’attesa della prossima espansione. Siccome però Hazzikostas ha specificato che l’aggiunta di grandi nuove zone di gioco avverrà solo con la nuova espansione credo che i giocatori debbano aspettarsi solo qualcosa come un Raid ambientato su Argus e non un intero nuovo pianeta/continente con città e avventure.