Dopo i test negli Stati Uniti arriva anche in Europa, e in Italia, la nuova funzione “Pokémon Vicini” di “Pokémon GO” di Niantic, sostituendo la versione che fu inizialmente distribuita col gioco e che fu eliminata a causa del suo malfunzionamento. Mentre prima i Pokémon vicini al giocatore erano segnati sulla mappa di “Pokémon GO” in base a un numero di “orme”, che avrebbero dovuto definire la loro distanza ma che appunto non funzionavano, ora vengono mostrati con una foto.

In basso a destra sono ora visibili tre Pokémon vicini, come silhouette grigia (se non li avete catturati) o come immagine a colori (se sono Pokémon già presenti nel vostro Pokédex). Toccando questa zona in basso a destra si apre una nuova finestra (“Dintorni”) con nove Pokémon accompagnati da una foto del PokéStop a loro vicino. In sintesi: la nuova funzione “Pokémon Vicini” mostra i Pokémon vicini a un PokéStop e vi indirizza verso il PokéStop per catturarli. I Pokémon restano in posizione per trenta minuti, per poi scomparire (come scompaiono dalla lista “Dintorni” anche se vi allontanate troppo dal loro PokéStop).

Se all’interno del menù “Dintorni” toccate la foto del nascondiglio/PokéStop di uno dei Pokémon la vedrete ingrandita, e se toccate l’icona delle impronte che appare ora sotto la foto il PokéStop interessato vi verrà pure evidenziato sulla mappa. È effettivamente un modo molto chiaro di gestire la funzione “Pokémon Vicini”, non più limitata a una mera descrizione della distanza. Certo, il limite è poter così scoprire solo Pokémon vicini a PokéStop, e questo potrebbe nuovamente colpire chi vive in aree rurali dove “Ingress” di Niantic non era precedentemente penetrato e dove, quindi, luoghi come PokéStop e Palestre (che derivano dai Portali di “Ingress”) son poco diffusi.

ATTENZIONE - STAI CERCANDO UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE? NON PERDERTI LE INCREDIBILI OFFERTE PROPOSTE DA AMAZON!!! SCOPRILE IMMEDIATAMENTE!!! [CLICCA QUI]