1-2-Switch per Nintendo Switch mostra un nuovo modo di giocare insieme

“1-2-Switch” potrebbe sembrare l’equivalente per Nintendo Switch di quello che fu “Wii Sports” per lo Wii originale: una collezione di giochi principalmente pensata per il multiplayer e per dimostrare le potenzialità del controller della console. Ma se “Wii Sports” servì a mostrare la rivoluzione dello Wii, una rivoluzione che stava tutta nel Wiimote e nell’accessibilità dei suoi controlli, “1-2-Switch” sembra voler fare qualcosa di diverso. Con forse una sola eccezione, i giochi contenuti in “1-2-Switch” non sarebbero stati impossibili su Nintendo Wii (nonostante alcuni aggiustamenti necessari per la diversa forma dei controller) e le loro meccaniche sembrano ormai familiari. Veniamo da anni di Wii, Wii U, Kinect e PlayStation Move, sappiamo come funzionano dei giochi in cui devi muovere e agitare il controller per far succedere cose.

1-2-Switch cambia il modo di giocare insieme

“1-2-Switch” non serve (o non serve solo) a mostrare come funzionano i Joy-Con, i loro tasti dorsali laterali, il sensore di movimento e la telecamera a Infrarossi del Joy-Con destro, ma vuole creare un nuovo modo di giocare ai videogiochi. Vuole far giocare ai videogiochi guardando in faccia i propri amici, e non uno schermo. Normalmente il multiplayer, anche quello cooperativo, è pensato facendo giocare insieme due persone allo stesso gioco, che costituisce il centro dell’azione, il suo mondo. “1-2-Switch” cambia le carte in tavola: i due giocatori si sfidano mentre il Nintendo Switch, magari lasciato su un tavolo vicino, comunica con loro unicamente (o quasi) con suoni e messaggi vocali, facendo da arbitro alla loro partita e determinandone risultati e vincitori.

Non è la prima volta che un videogioco fa uscire il gioco dallo schermo e lo trasporta nell’interazione reale tra due persone. “Bounden” di Game Oven, per esempio, unisce due ballerini comandandone la danza tramite il giroscopio di uno smartphone, ma li costringe comunque a guardare continuamente il cellulare per seguirne le indicazioni. “Bounden” è un bellissimo esperimento, ma manca l’incrociarsi degli sguardi di due persone che ballano insieme, la ricerca dell’intesa: il rapporto fisico tra i due giocatori è mediato da uno schermo. Un precedente più prossimo a “1-2-Switch” (e, come vedremo, a uno dei suoi giochi) è “Duello” di Mad Parker, un videogioco di duelli con le pistole creato nel 2011 per essere giocato con Wiimote.

1-2-Switch. I minigiochi

Come in “Duello” in “1-2-Switch” non c’è mediazione, almeno da quello che ho potuto vedere nello streaming di ieri, organizzato da Treehouse (studio di Nintendo che si occupa in America della localizzazione e della promozione dei giochi della compagnia in Occidente). “1-2-Switch” incoraggia a guardarsi negli occhi, a osservare le azioni dell’avversario, a fare attenzioni ai rumori. I minigiochi disponibili sono 8 (“Ball Count”, “Copy Dance”, “Eating Contest”, “Milk”, “Quick Draw”, “Safe Crack”, “Samurai Training” e “Table Tennis”) e durante lo streaming ne sono stati mostrati integralmente sei. “Quick Draw” simula un duello western ed è probabilmente il gioco più rappresentativo di “1-2-Switch”, quello scelto per il trailer della raccolta durante la presentazione della console. I due giocatori impugnano i due Joy-Con e si mettono uno di fronte all’altro, tenendo il controller abbassato. Il Nintendo Switch inizia allora un conto alla rovescia (“Pronti… attenti… fuoco!”) al termine del quale devono alzare il Joy-Con come se fosse una pistola e premere il suo dorsale come se fosse il grilletto. Il più rapido vince il duello. Come accadrà in tutti i giochi di “1-2-Switch” (almeno da quanto ho capito) a quel punto bisogna guardare comunque lo schermo di Nintendo Switch per scoprire i risultati del duello e il suo vincitore, ma tutta l’azione è avvenuta senza mediazione.

Gli altri giochi mostrati dalla diretta di Nintendo Treehouse sono “Copy Dance”, in cui a turno un giocatore fa un passo di danza e l’altro deve copiarlo, “Milk”, in cui i due giocatori si sfidano a chi munge più latte da una mucca alzando e abbassando la mano che impugna il Joy-Con e massaggiando la mammella premendo in successione i due dorsali laterali, “Samurai Training”, in cui a turno un giocatore cerca di colpire simulando un fendente di spada la testa dell’altro, che deve bloccare la lama con le mani, “Table Tennis” e “Eating Contest”. “Table Tennis” merita attenzione: i due giocatori si sfidano a ping-pong seguendo idealmente solo il suono del rimbalzo della pallina sul tavolo e i movimenti dell’avversario e alternando colpi normali a colpi più lenti (dorsale primario) e schiacciate (dorsale secondario). “Eating Contest” invece dovete semplicemente vederlo: vi lascio qui sotto il video dello streaming al momento in cui mostrano il gioco. È l’unico gioco che ho visto in “1-2-Switch” pensato per un giocatore solo, anche se è possibile alternarsi alla partita per fare gare, in quanto sfrutta la telecamera a Infrarossi del Joy-Con destro. “1-2-Switch” di Nintendo sarà disponibile al lancio di Nintendo Switch al costo di circa €40. Purtroppo non sarà parte, come potreste aspettarvi, di qualche bundle introduttivo alla nuova console Nintendo.

lascia un commento