Fez è in offerta per raccogliere fondi contro il Muslim Ban di Donald Trump

“Fez” di Phil Fish e Polytron è attualmente in vendita su itch.io con una modalità di pagamento “pay-what-you-can” (“paga quanto puoi”) a un prezzo minimo di solo $0,01. “Fez” (2012) è un videogioco di piattaforme senza nemici ma costruito intorno all’esplorazione e alla risoluzione di complessi enigmi che spesso obbligano a decodificare codici e alfabeti misteriosi e ha come protagonista una simpatica e candida creatura bidimensionale convinta che il mondo sia bidimensionale come lui; fin quando non ottiene il magico copricapo del titolo (un fez) che gli permette di ruotare il suo punto di vista e di scoprire così la natura tridimensionale della realtà che lo circonda.

L’iniziativa andrà avanti sino al 6 febbraio e i proventi raccolti andranno tutti in beneficenza all’ACLU (“American Civil Liberties Union“), un’assocazione che difende in tribunali i diritti civili negli Stati Uniti d’America e che ha duramente combattuto negli anni contro la persecuzione dei reati d’opinione. ACLU ha recentemente lanciato la sua campagna “He descriminated. We sue” (“Se lui discrimina, noi gli facciamo causa”) dedicata a Donald Trump. “La guerra del presidenza Trump contro l’eguaglianza sta già pretendendo un grande costo. Aiutateci a difendere i diritti di rifugiati e immigrati… e di tutte le persone che vivono in America”.

La vendita di “Fez” per beneficenza e la campagna di ACLU nascono in risposta alla difficile situazione che molte persone innocenti stanno attraversando negli Stati Uniti d’America da quando Donald Trump è diventato Presidente ed è stato inspiegabilmente vietato l’accesso al Paese da parte dei cittadini di sette Stati a maggioranza musulmana, Stati a cui non sono mai appartenuti terroristi o guerriglieri che abbiano ucciso cittadini americani dal 2001 a oggi. Si nota però l’esclusione dall’elenco di Stati interessati dal “Muslim Ban” (“Blocco dei musulmani”) di tutti i Paesi ricchi da cui sono effettivamente provenute minacce verso gli Stati Uniti d’America, come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi, ma in cui Donald Trump ha interessi economici personali anche in accordo coi governi locali. Il “Muslim Ban” è insomma un blocco verso i Paesi troppo poveri per interessare finanziariamente a Donald Trump.

“Fez” di Phil Fish parla di scoprire che c’è altro oltre la nostra ristretta visione, al nostro piccolo paese che sembra senza via di uscita, alla nostra realtà. È una storia sulla scoperta della molteplicità dei punti di vista, di un passato ricco e misterioso e di culture totalmente diverse dalla nostra, è una storia sulla gioia di questa scoperta e sull’Avventura che può nascerne. È insomma il gioco migliore per combattere contro una delle più grandi minacce ai diritti civili che gli Stati Uniti d’America abbiano mai dovuto affrontare dopo la Guerra Fredda.