Swery65 fonda lo studio indipendente White Owls

Hidetaka “Swery65” Suehiro, fondatore di Access Games e autore del videogioco culto “Deadly Premonition” (2010) del videogioco episodioco “D4: Dark Dreams Don’t Die” (purtroppo incompiuto), ha dato vita al suo nuovo studio indipendente “White Owls”. Ma white “owls are not what they seem”: il nome dello studio non è stavolta una citazione da “I segreti di Twin Peaks” di David Lynch (“i gufi non sono quello che sembrano”, “the owls are not what they seem”) ma un riferimento al ruolo della civetta nella mitologia greca.

Swery65 si era allontanato da Access Games a novembre del 2015 per ragioni di salute (soffre di ipoglicemia reattiva) e, durante questo periodo, è diventato monaco buddista (come entrambi i suoi genitori prima di lui) della scuola Jōdo Shinshū (da non confondere con la celebre scuola del Sutra del Loto da cui eppure deriva) e ha scritto un romanzo, per ora intitolato “Io non sono un gatto”. Il titolo è probabilmente ispirato a “Io sono un gatto” di Natsume Sōseki, e il libro racconta l’indagine su un crimine, avvenuto nella campagna inglese, dal punto di vista di un gatto.

White Owls si occuperà di videogiochi (ma una pagina del sito è dedicata anche al romanzo di Swery65) con una certa attenzione, pare, per la Realtà Virtuale. In un’intervista a Gamasutra Swery65 rivela le motivazioni dietro la sua scelta. “A novembre del 2015 lasciai la mia compagnia per un anno di cure mediche. Durante quel periodo iniziai a sentire una sensazione di pericolo per quanto riguarda la grande sperazione tra il mercato giapponese e quello internazionale e tra i cambiamenti della nostra era e la mia filosofia personale. Volevo davvero fare qualcosa a riguardo, ma non ero capace di riempire quel vuoto all’interno del particolare ambiente di una compagnia giapponese. Mentre in me avveniva questo scontro, ho ricevuto consigli da amici sviluppatori occidentali: invece di spendere tempo a cambiare le persone che ti circondano, dovresti diventare un autore indipendente e concentrarti davvero sul fare quello in cui credi!”. Per quanto il sito ufficiale di White Owls conti attualmente solo due persone nella compagnia, Swery65 e la sua fidata scimmia peluche Sharapova, pare che ci siano già altri membri con “anni di esperienza di lavoro nell’industria del videogioco”. “Vogliamo creare giochi per voi vhe ci apprezzate. Giochi bizzarri, spaventosi, grotteschi e simili a sogni, dotati di uno strano realismo. Giochi che vi ricordino il passato, che siano divertenti, tristi ma degni di essere amati.”