Nintendo Switch. Nuovi dettagli su Mii, eShop e supporto per memorie USB e Wiimote

Kotaku ha posto una serie di domande sul Nintendo Switch a Nintendo stessa. Un bel po’ delle risposte sono state “Non abbiamo niente da annunciare al momento” (“We have nothing to announce at this time”), e soprattutto Nintendo non intende ancora chiarire come funzionerà la Virtual Console dello Switch, cioè se gli utenti dovranno ricomprare i giochi acquistati sulle precedenti Virtual Console o se finalmente i giochi verranno collegati all’account Nintendo e portati da una piattaforma alla successiva come ha accennato il presidente di Nintendo of America Reggie Fils-Aime.

“Il sistema Nintendo Switch non è retro-compatibile con giochi progettati per altri sistemi e non è al momento compatibile con controller progettati per altri sistemi. Il supporto per alcuni controller potrebbe essere preso in considerazione per un futuro aggiornamento. Non abbiamo niente da annunciare riguardo alla Virtual Console o altri generi di acquisti digitale al momento.” In futuro, sempre con un aggiornamento, potrebbe arrivare anche il supporto per memorie USB, mentre attualmente l’unica possibilità di espandere la memoria di Nintendo Switch oltre i 32 GB di disco fisso è usare schede microSDXC. La memoria interna del Nintendo Switch sarà comunque usata dal sistema per i file di salvataggio, in quando le cartucce dello Switch non sono riscrivibili.

Nintendo Switch rappresenta anche l’allontanamento di Nintendo sia da Miiverse, a favore di piattaforme social più consolidate, sia in generale dai Mii, che diventano una caratteristica opzionale seppur supportata. “Mentre Miiverse verrà ancora supportata su Wii U e sistemi Nintendo 3DS, il nostro approccio a Ninteno Switch ci porta a fare uso di piattaforme social radicate e largamente usate. Per esempio, le immagini di gioco salvate [col tasto Capture] possono essere condivise su social network popolari, e caratteristiche social come la chat vocale sono possibili attraverso gli smartphone e la nostra app. C’è un editor di Mii su Nintendo Switch. Il software per crearli è ora in Impostazioni di Sistema, e non è più un’applicazione separata del menù HOME. Puoi anche creare un Mii dalla schermata del Profilo. Creare Mii è simile al passato. I personaggi Mii possono essere usati per rappresentare un profilo utente, ma non è obbligatorio. Gli utenti hanno l’opzione di scegliere un’immagine del profilo da una libreria di personaggi Nintendo. I Mii possono anche essere usati ancora in alcuni giochi se gli sviluppatori decidono di includerli. Puoi anche mandare e ricevere Mii attraverso la comunicazione locale wireless tra Nintendo Switch, o usare un Amiibo per trasferire Mii da Wii U e Nintendo 3DS.” Detto così, sembra che non ci saranno possibilità di comunicazione diretta tra Nintendo 3DS e Nintendo Switch.

Nintendo Switch uscirà senza supporto per servizi di streaming come Netflix, ma “supporto per servizi di streaming video sta venendo preso in considerazione per un aggiornamento futuro”. Infine, l’eShop non sarà region-free, cioè ogni parte del mondo non avrà per forza accesso agli stessi giochi tramite il negozio online di Nintendo. Uno dei problemi dell’eShop è, anche ora, la disparità di offerta per la Virtual Console da un Paese all’altro, e questo problema potrebbe quindi riproporsi pure su Nintendo Switch.

[Fonte: Kotaku]