News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

GameStop costringerebbe i dipendenti a mentire ai clienti col programma Circle of Life [AGGIORNATO]

Secondo un nuovo reportage di Jason Schlerer su Kotaku GameStop starebbe costringendo i suoi impiegati americani a mentire ai clienti con l’applicazione del nuovo programma “Circle of Life” (CoL). Secondo le fonti di Schlerer, cioè a testimonanzie di impiegati di GameSpot, “Circle of Life” obbliga negozi e singoli dipendenti a rispettare una quota di vendite di prodotti usati, abbonamenti alla carta fedeltà, pre-order (pre-acquisti) e scambi. La quota è proprozionale all’incasso totale del singolo negozio e chi non la rispetta, per esempio non vendendo abbastanza giochi usati, si trova ad affrontare conseguenze disciplinari e il licenziamento.

Per evitare guai i dipendenti sono spinti a mentire ai clienti: una persona vuole comprare un gioco nuovo o una console nuova, ma la cifra guadagnata aumenterebbe l’incasso totale del negozio facendo sballare tutte le quote? Gli dici che il prodotto non è disponibile. Ogni transazione di denaro per un gioco nuovo o una console nuova devono quindi essere bilanciati con la vendita di un gioco usato, un abbonamento alla carta fedeltà, un pre-order o lo scambio di giochi usati per uno sconto. Se questo non accade la quota sballa e se un negozio o un impiegato non raggiungono la quota necessaria in almeno tre dei quattro ambiti iniziano per loro i problemi.

Secondo GameStop, “tutti i programmi interni di GameSpot sono progettati per garantire ai nostri clienti il miglior valore in tutti i loro acquisti di videogiochi, inclusi i prodotti nuovi e usati. Con qualsiasi programma esistono possibilità di miglioramento e continueremo a raffinare anche questo programma per rendere possibile ai nostri competenti impiegati nei negozi di garantirvi un’esperienza grandiosa”. Ho chiesto delucidazioni a GameStop sull’applicazione del programma Circle of Life in Italia e aggiornerò l’articolo in caso di risposta. [AGGORNAMENTO 13:00 GameStop Italia mi risponde “che tale problematica non riguarda GameStop Italia”.]