Irrational Games, sviluppatore di BioShock, diventa Ghost Story Games

Irrational Games, sviluppatore della serie BioShock, ha annunciato di aver cambiato nome in Ghost Story Games. Lo studio di sviluppo, fondato nel 1997 da Kevin Levine, Jonathan Chey e Robert Fermier, è entrato in difficoltà nel 2014, dopo il lancio di BioShock Infinite. Il 18 febbraio dello stesso anno, Ken Levine annunciò infatti che gran parte dei componenti del team sarebbero stati licenziati, con eccezione di 15 elementi chiamati a lavorare a giochi incentrati sulla narrativa e dedicati a un pubblico di appassionati.

In un’intervista rilasciata a Rolling Stone nel 2016, Levine decise di chiarire meglio quanto accaduto, spiegando che lo stress scaturito dalla creazione di BioShock Infinite aveva influito sulla sua salute e sulle sue relazioni personali. Perciò, invece di dirigere il progetto di un quarto capitolo della saga ancora più grande del precedente, decise di lasciare il franchise. Adesso, Levine è evidentemente pronto a ripatire: il “nuovo” team, Ghost Story Games, sta lavorando a un gioco fantascientifico in prima persona con il papà di BioShock nel ruolo di Direttore Creativo. Il progetto è prodotto da Take-Two Interactive e speriamo di saperne quindi di più nelle prossime settimane.

Via