Nintendo e autorità USA recuperano i Nintendo Switch usciti in anticipo: erano rubati

Questa settimana è comparso su internet un video in cui veniva mostrato un Nintendo Switch. Il possessore, l’utente del forum NeoGAF hiphoptherobot, ne era entrato in possesso in anticipo, sostenendo che semplicemente il rivenditore gli aveva spedito prima del previsto la console, e ha deciso di mostrare sia l’unboxing della macchina sia la sua interfaccia all’avvio e il menù delle sue impostazioni. Vari siti, compreso Webtrek, hanno usato le informazioni trapelate in quanto chiarivano alcuni punti ancora uscuri del Nintendo Switch, punti che Nintendo sembra noNintenda chiarire ufficialmente.

Ora Nintendo ha recuperato la console finita nelle mani di hiphoptherobot perché, a quanto pare, proveniva da un gruppo di unità rubate. Lo dichiara lo stesso hiphoptherobot su NeoGAF: “Probabilmente non posso parlare dei dettagli ma dopo aver scoperto cosa è accaduto non penso che Nintendo abbia necessariamente torto a voler indietro la console e le persone con cui ho avuto a che fare sono state gentili e ragionevoli. E, ripeto, non sono nei guai ma credo che tenere i video online sarebbe voler spingere la mia fortuna un po’ troppo oltre. […] Vi dirò solo che non penso che la persona da cui ho ottenuto la console lo sapesse e io certamente non lo sapevo ma, più giù nella catena, qualche Nintendo Switch è misteriosamente scomparso [cioè in qualche precedente passaggio qualcuno ha rubato il Nintendo Switch facendolo infine arrivare a hiphoptherobot]. Quindi anche se non lo sapevo, quando ho scoperto che era stato probabilmente rubato non me la son sentita di tenerlo.” Se Nintendo crede o vuole credere a questa versione non ho ragione di essere io a dubitarne.

Anche Nintendo ha parlato dell’accaduto rilasciando una dichiarazione a IGN. “Durante la settimana alcuni individui hanno affermato di aver anticipatamente acquisto un piccolo numero di Nintendo Switch da un non specificato rivenditore. Nintendo ha scoperto che queste unità erano state rubate in un isolato incidente da parte di impiegati di un distributore americano e che uno di questi sistemi era stato rivenduto illegalmente. Questi individui sono stati identificati, licenziati e ora sono sotto indagine da parte delle autorità locali.”

Naturalmente, non abbiamo fatto una bellissima figura a usare come fonte del materiale rubato e rivenduto illegalmente, ma spero che capiate che non c’era modo per noi di verificarne l’autenticità: hiphoptherobot stesso non era a conoscenza della provenienza del Ninteno Switch e non ha voluto condividere il nome del venditore. La nostra impossibilità a verificarne la provenienza avrebbe potuto suggerirci di non parlarne e di non mostrare i video, ma era anche l’unico modo che avevamo per mostrarvi l’interfaccia del Nintendo Switch e solo in questo modo abbiamo avuto conferma del collegamento tra acquisti digitali e Account Nintendo. Aspettare di più avrebbe voluto dire rischiare di perdere l’accesso ai video, come infatti ora dovrebbe avvenire.