Quali personaggi saranno nel film di Metal Gear Solid di Vogt-Roberts (Kong Skull Island)?

Di recente Jordan Vogt-Roberts ha ricominciato a parlare del suo progetto per un film tratto da “Metal Gear Solid” che dovrebbe essere scritto da Jay Basu (anche se pare che Vogt-Roberts lavorerà personalmente alla sceneggiatura o almeno al soggetto). Ci eravamo quasi scordati della sua esistenza, ma ora che il regista ha finito di girare la sua ultima opera “Kong: Skull Island” sembra che tornerà proprio sul film di “Metal Gear Solid”, anche se non ha dichiarato che sarà questo il prossimo film che verrà effettivamente realizzato.

In un’intervista a IGN Jordan Vogt-Roberts ha parlato di quali personaggi vorrebbe vedere nel film, apparentemente scegliendoli in base ai suoi gusti personali da amante di “Metal Gear Solid” (devo dire che sembra davvero un appassionato della serie, i riferimenti sono molto precisi) ed è tornato a parlare del tono generale del progetto. I personaggi citati sono per ora Sniper Wolf (“Metal Gear Solid”) e Cyborg Ninja… cioè, credo, Gray Fox, in quanto Cyborg Ninja è un nome che viene usato da più personaggi nella serie. Ma considerate che “Gray Fox” è il nome di una nave in “Kong: Skull Island” se volete prenderlo come un suggerimento. Parlando di Cyborg Ninja Vogt-Robert dice anche che “è molto facile dire cose come: è un personaggio adatto a essere lasciato per il secondo film. Ma no no no”. Quindi dovremo aspettarci una serie cinematografica.

Oltre a ripetere che il tono del film alternerà  tragedia e umorismo, momenti riflessivi e momenti bizzarri, in modo da rispettare “l’intero spettro delle cose come viene raccontato dalla voce di Kojima”, Vogt-Robert ha detto di voler provare a inserire momenti di rottura della quarta parete, momenti che riprendano simili sequenze dei “Metal Gear Solid”. Vogt-Robert specifica però che trova questi momenti secondari rispetto ai veri contenuti di “Metal Gear Solid”, ad avere il tono giusto e a raccontare personaggi che siano delle “filosofie con due gambe”. Kojima non ha ancora parlato di queste ultime dichiarazioni di Vogt-Roberts, ma sembra proprio apprezzare il regista come si legge in un suo cinguettio entusiasta su “Kong: Skull Island”. “Sapevo che Vogt-Roberts fosse un genio sin dai suoi giorni come autore indipendente ma il grande pubblico se ne accorgerà in Kong Skull Island. Godetevi questo film come una reinterpretazione Kaiju [film con mostroni giapponesi] dell’isola di Kong, non come un reboot”.