News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Burger King vuole infiltrarsi nelle partite su PS4 e prendere ordini per consegne a domicilio

Ok, questa è bella: Burger King ha recrutato in Spagna un gruppo di videogiocatori professionisti perché si infiltrino nelle partite online su PlayStation 4 per prendere gli ordini dagli altri giocatori e mandar loro il cibo a casa. Non sto scherzando. Questo gruppo di giocatori si chiama “Burger Clan” (continuo a non scherzare) e nasce da uno scriteriato accordo ufficiale con Sony, come potete vedere dall’inquietante video di presentazione qua sotto. Nessun panino è stato mai venduto in modo più epico.

“Niente batte una bella partita online… tranne forse la fame.” Ed ecco che appare scritto “PlayStation presenta Burger Clan, alimentato da PlayStation Plus”. “Il primo clan di giocatori addestrato con il preciso obiettivo di infiltrarsi nei vostri più popolari videogiochi online per prendere i vostri ordini per le consegne a domicilio da Burger King. Basta andare su burgerclan.es, aggiungere l’username del PlayStation Network al tuo account di consegna Burger King, diventare amico con i nostri giocatori su PlayStation, entrare nelle loro chat, giocare nelle loro sessioni e, quando la fame colpisce, potrai colpire più duro.”

Tutto questo avviene, come avrete capito, con l’autorizzazione di PlayStation e del giocatore: per usufruire dei servizi del Burger Clan gli utenti spagnoli devono registrarsi e unirsi ai giocatori di Burger King sul PlayStation Network, e non si troveranno all’improvviso le partite invase in maniera casuale da gente che cerca di vendere panini. Per ora. Secondo quanto scritto su un comunicato stampa il Burger Clan è costituito di nove giocatori professionisti, specializzati su giochi console, tra cui Alfonso Ramos Cuevas (campione di “FIFA”). Questa realtà distopica è per ora limitata solo alla Spagna e solo a Madrid, e solo durante i fine settimana dal 28 aprile al 21 maggio, quindi possiamo sperare che questo orrore si fermi e non si espanda sino ad affermarsi come un comune metodo di vendita e promozione e deformarsi in modi più invasivi e grotteschi.

fonte Mashable