News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Perception è un horror basato sull’ecolocazione da autori di BioShock e Dead Space

Il videogioco horror psicologico in prima persona “Perception” è sviluppato da The Deep End Games, uno studio composta da autori che hanno lavorato a giochi come “BioShock” e “Dead Space”, ed è prodotto da Feardemic, produttore fondato da Bloober Team (studio che ha realizzato “Layers of Fear”). Potete vederne un trailer qua sotto, in cui noterete subito una resa grafica assai particolare e dovuta al fatto che in “Perception” sarò una donna cieca, che interpreta l’ambiente in base ai rumori che sente con il suo sensibile udito.

La protagonista, Cassie, inseguirà i suoi incubi sino a una magione infestata nel New England, a Gloucester, dove incontrerà le forze malvagie che per generazioni hanno terrorizzato gli abitanti della casa e che ora desiderano la donna. Siccome Cassie non può vedere normalmente, ma ha bisogno di rumori per avvertire l’esistenza degli oggetti e la struttura dell’ambiente circostante, per esplorare l’ambiente sarà costretta a usare l’ecolocazione, creando rumori con il suo bastone e determinando il mondo intorno a lei dal loro rimbalzo su ciò che la circonda. Creare rumori, però, è anche il modo migliore per farsi scoprire da ciò che la sta cercando, dalla Presence (“Presenza”).

Per quanto il ruolo dell’ecolocazione e la rappresentazione della ciecità della protagonista mi sembrino un po’ troppo superficiali, dal punto di vista del gameplay l’idea è interessante: il mondo intorno a me si svela solo se io mi svelo al mio nemico, e diventa ancora più importante non nascondere solo la mia presenza alla Presenza (e alle altre entità che occupano la casa), ma anche il mio suono. “Perception” uscirà per Xbox One, PC e PlayStation 4 il 30 maggio 2017.