News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Destiny 2: gli sviluppatori promettono una versione PC scalabile

Durante un’intervista rilasciata ai microfoni di PC Gamer, un portavoce di Bungie ha dichiarato che la versione PC di Destiny 2 non sarà particolarmente esosa a livello hardware. Anche chi possiede una macchina di media potenza potrà tranquillamente godere dell’esperienza grazie ad un comparto grafico scalabile e sostenibile, senza quindi subire penalizzazioni in termini di fluidità del framerate.

Lo sviluppatore ha sottolineato che non sarà necessario comprare l’ultima scheda video disponibile sul mercato per usufruire di un prodotto tecnicamente d’alto livello. Mentre le versioni PS4 e PS4 Pro del gioco rimarranno bloccate a 30fps, la riservatissima versione Xbox Scorpio beneficerà di framerate sbloccato, motivo per cui anche la stessa controparte per computer dovrebbe ricevere un trattamento molto simile. Tale è l’attenzione riservata alla versione PC del gioco che Bungie ha deciso di coinvolgere nei lavori anche la software house Vicarious Vision (Crash Bandicoot N.Sane Trilogy), chiamata a sviluppare e riadattare il titolo sulla suddetta piattaforma. A dimostrazione dell’impegno promesso, i developer hanno annunciato pubblicamente che Destiny 2 potrà essere giocato con risoluzione nativa 4K, aspect ratio 21:9 ed impostazioni grafiche avanzate non disponibili su console.

Tutto bello, tutto interessante se non fosse per un dettaglio importante: la versione PC è ancora sprovvista di data di uscita. Sì, perché su PS4 e Xbox One rimane confermato il lancio dell’8 Settembre prossimo, ma su PC non è stata ancora scelta una finestra di rilascio più o meno certa. L’attesa potrebbe protrarsi addirittura fino ai primi mesi del 2018. In ogni caso, la distribuzione digitale di Destiny 2 creerà un precedente di una certa importanza considerato il fatto che l’FPS Bungie sarà il primo gioco non Blizzard ad essere rilasciato sul client Battle.net. Niente Steam, dunque, ma solo un ecosistema digitale “limitrofo” concesso dai colleghi di Blizzard Entertainment.

fonte PC Gamer
via SegmentNext