Rampage con The Rock tradisce il classico arcade da cui è tratto

Non so se avete presente “Rampage”, videogioco arcade del 1986 creato da Bally Miday (poi Midway Games). In “Rampage” sono un mostro (un essere umano mutato da un esperimento) e, da solo o in compagnia di altri due giocatori, devo distruggere le città degli Stati Uniti d’America. Posso essere un gorilla gigante, una dinosaura (…dinosauressa?) o un enorme licantropo e nella mia missione mi trovo contro l’esercito americano, che mi spara dai palazzi che devo abbattere e mi combatte con elicotteri e carri armati. Per curarmi dai danni ricevuti dai proiettili dei soldati (o precipitando dai palazzi) posso mangiare cibo trovato a giro o agguantare le persone e usarle come spuntino. Magari potreste ricordare, se non il gioco originale, la sua versione del 2006 per PlayStation 2, GameCube e, nel 2007, Wii (“Rampage: Totale Destruction”), dove il gioco originale è inoltre incluso come extra. Ecco, Dwayne “The Rock” Johnson ha annunciato che è in lavorazione il suo adattamento cinematografico, di cui si parla ormai da anni e che doveva essere girato nel 2016.

https://www.instagram.com/p/BTe8kphFv6M/

Come spesso fa The Rock ha pubblicato l’annuncio su Instagram. “Contento di mettere finalmente i piedi qui in Georgia per la produzione di Rampage. [Attenti perché ora parte la trama.] Sono a capo di un’unità anti-bracconaggio in Rwanda. Il mio miglior amico è un raro gorilla albino di nome George. Persone molto cattive infettano George, un alligatore e un lupo con un siero. I tre animali crescono in modo inaspettato. La loro stazza, velocità, agilità e aggressività è fuori scala. Impazziscono e vogliono distruggere il mondo. George non è felice. Io non sono felice. Quando piaci agli animali ti leccano. Quando non gli piaci, ti uccidono. Darò la caccia alle persone cattive che hanno fatto questo al mio migliore amico. E quando le troverò non le leccherò. Abbiamo la miglior squadra sul pianeta nel creare mostri con gli effetti speciali (WETA). I nostri attori e la nostra squadra han lavorato duramente per alzare la stanghetta nel genere monster movie. E, come sempre, divertiamoci un po’. E spariamo.”

Mentre traducevo il post di The Rock ho trattenuto con difficoltà le risate, lo ammetto. Ma posso far notare che questa trama non c’entra niente con “Rampage”? Ci sono solo tre grossi animali infettati da bracconieri che… vogliono animali giganti da braccare? Questo ha quasi senso, ma non sembra esserci l’ambientazione urbana, probabilmente perché è molto difficile convincere le grandi produzioni a mostrare la distruzione di città americane dopo l’11 settembre 2001. E poi il punto di “Rampage” è che il giocatore è un mostro. Un essere umano trasformato in mostro, ma un mostro, ed è il giocatore a dover distruggere il mondo. Anche qui, temo che sia molto difficile convincere, dopo l’11 settembre 2001, una grande produzione americana a investire in un film dove i protagonisti diventano mostri e vogliono distruggere gli Stati Uniti d’America, magari raccontando anche le motivazioni che queste persone hanno nello sfogare la loro rabbia mostruosa contro il capitalismo imperialista americano e l’arredo urbano. Ma a che serve prendere un marchio tanto vecchio, praticamente senza alcun valore oggi, solo per mostrare tre animali grossi e non per giocare con l’idea che gli sta davvero dietro, cioè raccontare per una volta le ragioni di Godzilla?

Questo già inutile film di “Rampage” è scritto da Ryan Engle (“Non-stop”), è diretto da Brad Peyton, regista di “Viaggio nell’isola misteriosa” (sempre con The Rock e ho usato la locandina del film come immagine d’apertura perché è perfetta), e avrà tra gli attori anche Jeffrey Dean Morgan (Negan di “The Walking Dead” e immagino capo dei bracconieri), Malin Akerman (il secondo Spettro di Seta in “Watchmen”) e Naomie Harris (l’attuale Moneypenny dei film di “James Bond”). “Rampage” uscirà l’anno prossimo.