Wildlands, il documentario di Ghost Recon Wildlands, è stato rimandato

Insieme al videogioco “Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands” Ubisoft aveva promesso la distribuzione di un documentario, chiamato “Wildlands” e programmato in uscita per il 6 marzo 2017 (il giorno prima del videogioco) per iTunes, Google Play e Vimeo. “Widlands” fu ufficialmente annunciato con un comunicato stampa, come parte della promozione di “Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands” e un altro comunicato stampa ne annunciò la data di uscita. Il 6 marzo 2017, arrivò, passò, il gioco arrivò nei negozi fisici e digitali ma il documentario non uscì.

Su Vimeo non è visibile alcuna data di uscita aggiornata, su Google Play non c’è alcuna pagina dedicata a “Wildlands” e su iTunes la data viene continuamente rimandata, senza alcuna spiegazione (attualmente è segnato il 14 giugno 2017). Dopo una lunga attesa, e diverse e-mail, un rappresentante di Ubisoft ci ha finalmente risposto in merito a questo ritardo: “La distribuzione mondiale di Wildlands, il documentario che doveva accompagnare Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands, è stata rimandata dalla sua data di uscita originale a causa di aggiunte che stanno venendo fatte durante la fase finale di post-produzione. Wildlands è ancora programmato per il 2017 e la data di uscita rivista sarà annunciata nelle prossime settimane.”

[“The global release date of Wildlands, the companion documentary to Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands, has been delayed from it’s original launch date due to final post-production additions. Wildlands is still scheduled to broadcast in 2017 and the revised release date will be announced in the coming weeks.” Ubisoft Spokesperson]

La cosa è ancora piùà strana se pensate che “Wildlands” aveva già avuto le sue anteprime di fronte alla stampa, che quindi ha già visto il documentario finito. “Widlands”, diretto da Colin Offland, è un lungometraggio sul narcotraffico internazionale e sui cartelli della droga che lo dirigono dal Sud America, presentato da Rusty Young (“Marching Powder”). Il racconto dovrebbe attraversare, tramite interviste ai diretti interessati, tutta la struttura del narcotraffico dalla sua coltivazione al suo contrabbando alla lotta delle Forze Speciali.