Dontnod non ha nessun ruolo in Life is Strange Before the Storm

Deck Nine Games, studio che ha lavorato a al prequel di “Life is Strange”, “Before the Storm”, ha parlato con Eurogamer di come ha progettato questa opera e di queli sono stati i rapporti con gli autori originali. In sintesi, non c’è stato alcun rapporto con gli autori originali, che hanno appena visto una versione preliminare e incompleta del gioco. Naturalmente, considerate che l’intera intervista è stata concessa in presenza di un PR di Square Enix che ha controllata l’esattezza e la conformità delle dichiarazioni di Deck Nine Games al marketing del gioco, e non pensate funzioni differentemente per le altre interviste che avete letto sinora sui siti di informazione.

“Quanta liberà avete avuto per giocare con quei personaggi ormai definiti e che incontreremo ancora [in Life is Strange Before the Storm]? Questa storia viente da Dontnod o no… avete avuto completa libertà?” E Zack Garris, scrittore di “Life is Strange: Before the Storm” per Deck Nine Games, risponde: “Dalla prima idea del gioco sino al suo sviluppo attraversando l’intera produzione del gioco tutto quello che vedrete viene da Deck Nine. Lavoriamo in collaborazione con la squadra di Square Enix che lavorò al primo Life is Strange.” Quindi, non c’è a quanto pare alcun tipo di dialogo o di rapporto tra gli autori originali di “Life is Strange” e Deck Nine Games, che ha al massimo parlato con i dirigenti di Square Enix impegnati a gestire il marchio “Life is Strange” come una loro proprietà.

“Square ha tanta cura del marchio, si occupa di quasi tutti i personaggi nel suo universo, ma volevano che fossimo noi a prendere le redini e a guidare la storia. C’è un continuo dialogo con loro, su quello che vogliamo fare con Frank, quello che vogliamo fare con David, quello che vogliamo fare con Joyce. E una delle cose più belle a proposito della collaborazione con Square, per noi in quanto sviluppatori, è quanto loro abbiano a cuore, quanto considerino prezioso Life is Strange. Ma alla fine dei giochi davvero ci incoraggiano a trovare la versione di Before the Storm che noi preferiamo come sviluppatori.”

L’unico collegamento tra “Life is Strange” e “Life is Strange: Before the Storm” è, a quanto pare, Ashly Burch, la doppiatrice originale di Chloe. Square Enix, non potendo assumerla a causa dello sciopero dei doppiatori del sindacato SAG-AFTRA, ha fatto quello che ogni compagnia senza scrupoli farebbe di fronte a una protesta sindacale: si è rivolta a un’azenzia di crumiraggio e ha chiamato una doppiatrice non iscritta ad alcun sindacato. Ashly Burch, comunque, ha collaborato come scrittrice (è una delle sceneggatrici di “Adventure Time”, tra le altre cose) alla scrittura di Chloe in “Life is Strange: Before the Storm”.

Gli autori di “Life is Strange” sembrano comunque aver apprezzato “Life is Strange: Before the Storm”, pur non avendo avuto voce a riguardo. Garris racconta: “[…] a maggio ho avuto la possibilità di portare una versione un po’ più vecchia del gioco a Parigi dove la ho fatta vedere a Luc [Baghadoust, produttore di Life is Strange] e Raoul e Michel [i due direttori del gioco originale] e Christian Divine [lo scrittore] a abbiamo giocato per quattro ore, abbiamo dato loro il controller e li abbiam fatti giocare, e li abbiamo visti ridere ed emozionarsi ed è stato meraviglioso sentire quello che ne pensavano e avere il loro supporto.”

fonte Eurogamer