In Germania arriva la “legge Facebook”: messaggi d’odio multati fino a 50 milioni di euro!

E’ una normativa destinata a far discutere a lungo quella che entrerà in vigore in Germania tra tre mesi e che è stata già ribattezzata “Legge Facebook“. In realtà non riguarda soltanto il social network di Palo Alto, ma tutte le piattaforme digitali dove esistono relazioni tra utenti al loro interno. Ovvio che l’attenzione si sposta su giganti del calibro di Facebook, Twitter o Instagram.

La legge prevede sanzioni pesantissime a chi gestisce il servizio nel caso in cui un commento definito “violento” o incitante all’odio non venga rimosso entro 24 ore. Inutile dire che è davvero complicato riuscire a trovare un fondo d’oggettività in tantissimi casi borderline che si trovano sui social, certo è che il segnale dato dal Parlamento tedesco è importante. Tra l’altro, nei casi ritenuti “dubbi”, il periodo utile per esaminare l’episodio si allarga a una settimana.

In ogni modo, al di là delle questioni tecniche, è importante sottolineare che le multe per i social network saranno salatissime: si va da un minimo di 5 milioni a un massimo di 50 milioni di euro. Probabilmente uno sproposito, considerato anche che ad oggi non si possiedono strumenti necessari a moderare le attività di miliardi di utenti. Ed è per questo motivo che sono cominciate le proteste, anche da parte di attivisti che rivendicano la libertà d’espressione. Libertà che, come ricorda il Ministro della Giustizia, Heiko Maas, “finisce dove inizia il diritto penale”.

fonte Telegraph