Mass Effect Andromeda non riceverà alcun DLC single-player

Nei giorni scorsi una serie di voci non verificate (e quindi rilanciate dai siti internet) hanno sostenuto che BioWare avesse cancellato dei DLC single-player per “Mass Effect: Andromeda”, sfortunato nuovo capitolo della serie “Mass Effect”. Tanto sfortunato da aver sancito la momentanea sospensione della serie stessa, in attesa di nuovi piani per sfruttare il marchio. La notizia della cancellazione dei DLC proveniva da una certa “Sinclaire Networks”, una azienda di cui nessuno sapeva l’esistenza ma che affermava di aver lavorato alle fasi finali di “Mass Effect: Andromeda” e di essere stata inizialmente chiamata anche a lavorare su DLC ora cancellati. La voce era falsa e BioWare ha smentito di aver anche solo sentito parlare di questa Sinclaire Networks o di aver mai dato da sviluppare i DLC a società esterne. Ma c’era qualcosa di vero nella notizia.

Anche se Sinclaire Networks è un’azienda con intenti truffaldini, “Mass Effect: Andromeda” non riceverà davvero alcun contenuto aggiuntivo single-player sotto forma di DLC: Electronic Arts non sembra interessata a investire sul marchio in questo momento, BioWare Montréal è stata ridimensionata dopo l’insuccesso del gioco e lo studio è al lavoro su “Anthem”, la risposta di EA a “Destiny” di Activision e Bungie, e sul nuovo “Dragon Age”. Alcuni sviluppatori stanno continuando a lavorare a “Mass Effect: Andromeda”, ma concentrandosi sulle necessarie patch e sul supporto al multiplayer. Non c’è insomma né l’opportunità né il personale per DLC contenutisticamente ricchi.

Tre fonti di Jason Schreier di Kotaku confermano che effettivamente “Mass Effect: Andromeda” non avrà alcun contenuto aggiuntivo per giocatore singolo (come ogni volta che lo cito specifico che si tratta del giornalista più autorevole di uno dei siti più autorevoli al mondo e che quindi questa non è la solita voce non verificata). “Mass Effect: Andromeda” sarà insomma il primo episodio della serie a non veder espandere la sua storia con contenuti aggiuntivi.

fonte Kotaku