News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Ecco perché OnePlus 5 si riavviava con le chiamate d’emergenza

E’ stato uno dei bug più discussi e curiosi degli ultimi tempi. Purtroppo per OnePlus 5 ha rappresentato l’ennesima polemica in un primo mese di “vita” decisamente non facile. Ci riferiamo, ovviamente, alla questione dei riavvii improvvisi mentre si cercava di effettuare una chiamata d’emergenza. Più in particolare il problema sorgeva col 911 negli Stati Uniti e col 999 in Gran Bretagna. Problema che, tra l’altro, avrebbe potuto dar vita anche a spiacevoli situazioni che, per fortuna, non sembra si siano comunque verificate.

Sì, perché come molti di voi già sapranno, il bug è stato prontamente risolto col rilascio di OxygenOS 4.5.6 e dopo un lavoro a stretto contatto con Qualcomm. Cosa c’entra l’azienda californiana? Il problema, stando ad alcune fonti interne, era causato dall’attivazione del protocollo OTDOA (Observed Time Difference of Arrival) che avveniva quando l’utente effettuava una chiamata Voice over LTE (VoLTE). I dati OTDOA (inviati e ricevuti, tramite le torri cellulari viene più facilmente determinata la posizione) determinavano a loro volta un problema di gestione della memoria, mandando quindi in crash l’intero smartphone. E’ anche per questo motivo che non tutti i numeri di emergenza causavano il blocco: solo quelli che hanno attivato questo sistema generavano il problema.

Problema che, considerato che riguardava il modem interno al SoC, è stato come detto risolto grazie al tempestivo aiuto di Qualcomm.

fonte GizmoChina