HTC ha invertito la tendenza: fatturato (meritatamente) in crescita a giugno!

-18,03% ad aprile, -32,91% a maggio: erano stati questi gli ultimi due, scioccanti, risultati dei fatturati mensili di HTC su base annua. Le ennesime dimostrazioni del periodo di profonda crisi dell’azienda taiwanese, incapace di mantenersi al top dopo aver sfornato ottimi device almeno fino al 2014. Va dato atto, però, al produttore asiatico di non aver mollato: HTC U 11, rilasciato a maggio, ha probabilmente fatto segnare una netta inversione di tendenza, soprattutto in quanto a qualità dei prodotti proposti.

La credibilità va ricostruita ed è per questo motivo che il nuovo top di gamma non è ancora reclamizzato come si dovrebbe: eppure, oltre ad alcune interessanti novità estetiche e funzionali (valga per tutte la scocca comprimibile che rende alcune azioni più immediate), HTC U 11 ha ottenuto risultati incredibili in tanti ambiti. Miglior comparto fotocamere per DxOMark, primo nei benchmark di maggio effettuati da AnTutu mettendosi alle spalle iPhone 7 Plus (prima volta che un device Apple viene battuto in questa speciale graduatoria): insomma, ci troviamo di fronte a un gran bel dispositivo.

Il pubblico ha comunque cominciato ad apprezzare: oggi HTC ha ufficializzato il dato del fatturato di giugno: 225 milioni di dollari, +8,38% rispetto a un anno fa. Certo, non basterà per riportare in positivo il trimestre fiscale, ma l’uscita probabile dell’HTC U 11 Mini (o Ocean Life) potrebbe allungare la striscia positiva e far chiudere finalmente un anno col segno +. Sarebbe un gran segnale per un’azienda che merita di essere tra le big.

fonte HTC