La censura cinese stavolta colpisce Whatsapp: impossibile condividere foto e video!

Il “great firewall“, che dal 2009 imperversa in Cina ed è riuscito a bloccare alcune delle piattaforme (soprattutto social) più importanti del pianeta, miete un’altra vittima. Si tratta di Whatsapp che, ormai da qualche ora, si vede privato di alcune importanti features. Non è un blocco totale (almeno per il momento) ed è importante sottolinearlo: ma l’impossibilità degli utenti cinesi di scambiare foto e video sul noto servizio di messaggistica istantanea suona come un atto di censura tra i più rilevanti degli ultimi mesi.

Facebook, Instagram, Telegram, Whatsapp: la lista, insomma, si allunga, senza considerare che si riscontrano blocchi di contenuti multimediali anche su siti dove vengono ospitati show televisivi stranieri. La sicurezza informatica sembra quindi aver fatto un ulteriore “salto” in Cina dove, tra l’altro, in vista del 19° Congresso del Partito queste misure potrebbero essere ulteriormente inasprite. Ricordiamo, tra l’altro, che di recente c’è stato anche un giro di vite sulle VPN che riuscivano comunque a garantire l’accesso alle piattaforme sopracitate.

Va inoltre fatta un’ulteriore considerazione su Whatsapp: in Cina non è di certo il servizio di messaggistica istantanea più utilizzato (WeChat conta su oltre 900 milioni di iscritti) ma fino ad oggi era considerato una sorta di “isola felice“, praticamente priva di controlli da parte degli enti governativi. Tanto da essere scelta da tanti cinesi per comunicare con l’estero, soprattutto in ambito professionale.

fonte Macrumors.com