News, guide su tecnologia (Android, Windows, iOS), Games e SocialMedia

Microsoft rassicura gli utenti sul futuro (a rischio) di MS Paint

Ieri è circolata su internet la notizia della fine di “MS Paint” (“Paint”, nato come “Paintbrush”), celebre programma di grafica presente in Microsoft Windows sin dalla sua prima versione del 1985. La voce non è ingiustificata: nel prossimo aggiornamento di Windows 10 verranno aggiunte diverse nuove caratteristiche al sistema operativo, ma “MS Paint” è invece elencato tra le funzioni non più in sviluppo e che potrebbero essere rimosse in futuro (“deprecated”).

In realtà la fine di “MS Paint” come lo conosciamo rappresenta più che altro la transizione verso nuovi strumenti di Windows 10: “MS Paint” non scomparirà del tutto, ma le sue funzionalità 2D sono implementate nel nuovo “Paint 3D” e il vecchio programma resterà disponibile per il download gratuito nell’App Store di Windows 10. Microsoft ha sottolineato questo passaggio sia in un messaggio a The New York Times sia con un apposito post sul suo blog: “MS Paint non va da nessuna parte. Oltre ad avere nuove funzioni 3D, molte delle caratteristiche di MS Paint conosciute amate dalle persone, come la possibilità di modificare foto e di creare in 2D, sono in Paint 3D, la nuova app per la creatività disponibile gratuitamente con l’aggiornamento di WIndows 10 Creators.”

Quindi, “MS Paint” non sarà più aggiornato (almeno secondo i programmi attuali) ma resterà disponibile come lo conoscete nel negozio di Windows, dove potrete scaricarlo gratuitamente, mentre “Paint 3D” lo sostituirà anche per quanto riguarda l’elaborazione di immagini 2D e continuerà a essere aggiornato. Nonostante le rassicurazioni di Microsoft, le affermazioni della compagnia confermano comunque la fine del supporto per “MS Paint”, e anche se attualmente il programma resterà utilizzabile e compatibile con formati e compressioni, l’assenza di aggiornamenti lo renderà comunque sempre meno adatto e sempre più svantaggiato rispetto a “Paint 3D”.