Oculus starebbe per annunciare un visore VR standalone a $200

Oculus, ora di proprietà di Facebook e senza più il suo co-fondatore Palmer Luckey (che sta lavorando per aiutare Trump nella costruzione del muro tra USA e Messico), potrebbe lanciare un nuovo visore VR. Non si trattarebbe di un concorrente per l’Oculus Rift, il suo visore più potente, o per il Gear VR, il suo visore economico pensato per funzionare insieme ai (meno economici) smartphone Samsung. Si tratterebbe di un visore indipendente che non necessiterà di dispositivi mobili o computer per funzionare, come il Daydream standalone in lavorazione presso Google. Un dispositivo potenzialmente molto interessante che sarebbe venduto a un prezzo altrettanto interessante: $200.

Le notizie di questo visore per la Realtà Virtuale, chiamato in codice “Pacific” non è ancora ufficiale ma è stata diffusa da Bloomberg e confermata da Venture Beat, che la hanno raccolta da loro fonti riservate e vicine alla materia. Oculus non ha naturalmente confermato esattamente l’esistenza di Pacific, ma la dichiarazione rilasciata è comunque assai significativa: “Non abbiamo un prodotto da annunciare al momento, ma possiamo confermarvi che stiamo facendo parecchi e importanti investimenti nella tecnologia per visori indipendenti per la Realtà Virtuale“. Pacific sarebbe simile a un Gear VR, ma più leggero, con un telecomando per il controllo remoto. Pacific sarà annunciato durante il 2017 (forse durante l’evento Oculus Connect) e sarà poi lanciato già nel 2018.

Oltre a Pacific Oculus starebbe ulteriormente lavorando anche al “Santa Cruz”, il visore standalone pensato però come vero successore dell’Oculus Rift. Pacific vorrebbe in qualche modo posizionarsi invece tra Gear VR e Rift, ma se il prezzo verrà confermato (e se il dispositivo non verrà venduto ampiamente in perdita) è improbabile che riesca a garantire prestazioni comparabili anche solo al Gear VR. Mentre Oculus nasce per creare visori di alta gamma per una nicchia di appassionati economicamente capaci di acquistare potenti computer e costosi dispositivi, Facebook guarda al mercato di massa e a rendere popolare le applicazioni social della Realtà Virtuale, su cui sta investendo, e Pacific servirebbe ad allargare questo pubblico Inoltre, Oculus sta perdendo terreno come visore di alta gamma rispetto all’HTC-Vive, e il successo del Gear VR suggerisce a Facebook di puntare altrove.

fonte Bloomberg Venture Beat
lascia un commento